user
25 maggio 2018

Napoli, Milik: "Secondo posto amaro. Scudetto? Dispiace, ma ci riproveremo subito"

print-icon
Arek Milik, attaccante del Napoli e della Polonia

Arek Milik, attaccante del Napoli (getty)

L'attaccante polacco sullo Scudetto mancato: "Ci ha fatto male, ma ripartiamo dai 91 punti in classifica. Proveremo a vincere il prossimo anno". Ora i Mondiali: "Conto di arrivarci al 100%, non vedo l'ora"

NAPOLI, LE MISSIONI DI ANCELOTTI: MENTALITÀ, EUROPA E GIOCATORI

IL NAPOLI SU LEANDRO PAREDES

EFFETTO ANCELOTTI: IL NAPOLI CHE VERRÀ

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Arek Milik si è ripreso il Napoli. Il finale di stagione positivo ha certificato la completa guarigione dell’attaccante polacco, che ora è pronto a combattere anche nel Mondiale di Russia, prima di immergersi completamente nel nuovo ciclo targato Carlo Ancelotti. L’ex centravanti dell’Ajax ha parlato dalla Polonia del finale di stagione degli azzurri, che hanno visto sfumare il sogno Scudetto: “Il secondo posto ci ha fatto un po' male, perchè il nostro obiettivo era lo Scudetto - ha raccontato al quotidiano Przeglad Sportowy - Quest'anno non ce l'abbiamo fatta, ma abbiamo chiuso a 91 punti con solo tre sconfitte. Poi abbiamo battuto la Juventus, e questo per i nostri tifosi è stato importante. Sarà difficile, ma proveremo a vincere lo Scudetto il prossimo anno”. Su Koulibaly, anche lui al Mondiale con il Senegal, che sarà nello stesso girone della nazionale di Nawalka: “Gli ho ricordato che ci saremmo visti tra meno di un mese. È un giocatore eccellente e pericoloso. Ma non solo Koulibaly è pericoloso. Il Senegal ha grandi giocatori: forti, alti e veloci”.

"Mondiali, sono pronto! Non vedo l'ora"

Milik si è poi soffermato sull’avventura che aspetta la Polonia, dopo 12 anni di nuovo ai Mondiali: “Non sono ancora pronto per giocare dal primo minuto - ha ammesso - ma mancano ancora tre settimane e mi preparerò al meglio. Ho sempre avvertito il sostegno del CT Nawalka, alcuni scherzano dicendo che io sono il suo figlioccio, ma non è cosi. Non sono il tipo che si arrende, anche perchè in quel caso non mi aiuterebbe, ma anzi lavoro duro: questo è apprezzato dall’allenatore”. E ancora: “Sono pronto per allenarmi al 100%, forse non ho i 90' minuti nelle gambe ma ci riuscirò entro giugno. Ho ancora tempo per prepararmi. Alla fine della stagione ho segnato diversi gol con il Napoli, e questo mi ha incoraggiato: voglio arrivare al meglio possibile, non vedo l'ora che comincino i Mondiali”.

Serie A 2017-2018: tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi