Lazio di nuovo in Germania: 4-11 agosto in ritiro, test con l'Hannover

Serie A
La Lazio andrà nuovamente in ritiro in Germania (Getty)
festa_lazio_getty

I biancocelesti torneranno in Germania per la seconda parte del ritiro estivo, dopo Auronzo di Cadore: 4-11 agosto. Amichevole con l'Hannover l'ultimo giorno, poi il rientro in Italia per la prima di campionato

LAZIO, FISSATE LE DATE DEL RITIRO

Dopo Auronzo di Cadore, di nuovo in Germania. A Marienfeld. La Lazio tornerà nuovamente lì, dopo la preparazione del 2014 con Stefano Pioli. L'anno scorso l'Austria, stavolta la Germania. Per il dopo-Auronzo i biancocelesti scelgono un altro luogo isolato, dove poter preparare al meglio la stagione che verrà: prima il mancato ingresso in Champions League, ora la ricostruzione. Ripartire con un obiettivo fisso, quello di migliorare la rosa e i risultati di quest'anno (quinto posto e vittoria in Supercoppa). 

Fissata un'amichevole con l'Hannover 

Già fissati i primi test: Triestina, la classica con la Spal e infine l'Hannover, già sfidato nel 2014 sotto la gestione di Pioli (sconfitta per 3-1, segnò Ledesma su calcio di rigore). Il ritiro - salvo modifiche dell'ultim'ora - dovrebbe svolgersi dal 4 all'11 agosto, mentre i biancocelesti saranno ad Auronzo dal 15 al 28 luglio. Prima le visite mediche di rito, poi la partenza per le Dolomiti e infine la Germania. Pronti per la prima giornata di campionato.

Tare: "Io, cresciuto grazie alla Lazio e a Lotito"

In un'intervista concessa in patria su RHTS, il ds Igli Tare ha parlato a tutto tondo della Lazio e della sua professione di direttore sportivo. Gli inizi, gli affari, i ricordi di calciatore, ma soprattutto il suo rapporto con il mondo biancoceleste: "Mi sono formato in questo club, sia come calciatore che come uomo, il rapporto che ho avuto con la squadra e il presidente Lotito è stato ottimo, fino alla pazza proposta di ds!". Tare racconta il giorno in cui passò dal campo alla scrivania: "Sapevo di non essere ancora formato per svolgere quella professione e reputavo l’idea pazzesca. Non c'è nessuna logica nel diventare direttore del club. Ricordo le parole di Lotito, mi disse: “Ti offro la possibilità di uscire da questa porta per riflettere e tornare da direttore di un grande club. Sta a te la decisione, sei ancora un ragazzo inesperto, ma spero che mi ricompenserai". Le sfide mi hanno sempre attratto". Qual è il segreto di Tare? "Dedicare tutto te stesso. La mia fortuna è rappresentata dalla famiglia, mi fa sentire libero dalle pressioni extra lavorative. Durante le vacanze devo essere libero di lavorare per il mercato. Questi sono i dettagli che fanno la differenza. La famiglia nella maggior parte dei casi è un grosso ostacolo alla carriera di un giocatore". Molto modesto, Tare :"La semplicità aiuta. Più si è semplici, più è facile analizzare il lavoro". Sei lingue parlate: "Meglio il tedesco, dato che mia moglie è tedesca”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.