Lugano-Inter, Spalletti: "Bene Lautaro, può giocare con Icardi. È stato un test vero"

Serie A

I nerazzurri, alla prima uscita stagionale, battono 3-0 il Lugano con doppietta di Karamoh e gol di Lautaro Martinez. Spalletti esprime la propria soddisfazione al termine del match: "Test importante e attendibile, abbiamo fatto girare bene la palla e segnato bei gol"

LUGANO-INTER 0-3, GOL E HIGHLIGHTS

AMICHEVOLI: TUTTI I RISULTATI DEL 14 LUGLIO

VRSALJKO, L'ATLETICO NON ACCETTA LE CONDIZIONI DELL'INTER

LE NOVITÀ TATTICHE DELLE PRIME AMICHEVOLI ESTIVE

Primo test stagionale per la nuova Inter di Luciano Spalletti, che ha affrontato e battuto il Lugano 3-0 con reti di Karamoh (2) e Lautaro Martinez. Al termine del match, Luciano Spalletti ha analizzato la gara: "Il Lugano ha le caratteristiche di una squadra 'tignosa', che ti viene addosso forte, facendo contrasti veri. Per questo è stato un test importante, attendibile". Per Spalletti, l'Inter è andata anche oltre le aspettative: "Mi aspettavo che andassimo più in difficoltà perché i muscoli sono nel momento di maggior indolenzimento. L'importante è badare a non creare problemi di questo tipo e a sviluppare la nostra preparazione in maniera corretta. E oggi l'abbiamo fatto con un test vero. La partita è finita bene, abbiamo fatto girare la palla e mi sono piaciuti i gol, sono stati belli".

"I nuovi? Bene. Lautaro può giocare con Icardi"

La caratteristica da cui partire, per Spalletti, è la compattezza: "Deve essere una qualità riconoscibile, in maniera veloce e già da adesso". Poi un giudizio sui nuovi: spiccano Lautaro Martinez e Karamoh, ma Spalletti è soddisfatto in blocco: "Hanno fatto tutti bene, Lautaro ha fatto subito vedere la forza fisica che ha quando riceve spalle alla porta, è bravo a tenere la palla, girarsi e fare gol. Forse fa un po' fatica nelle lunghe distanze, ma ha comunque corsa e confidenza con la porta. Può giocare insieme a Icardi.Asamoah ha dimostrato la sua padronanza del ruolo e la sua esperienza, De Vrij ha fatto bene anche schierato nella difesa a quattro. Nainggolan? Lui ha fatto quello che doveva".

La precisazione sulle parole su CR7

Durante la prima conferenza stampa stagionale, a domanda sull'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus, Spalletti aveva risposto tra le altre cose che "nessuno può farci sentire inferiori senza il nostro consenso. L'allenatore nerazzurro spiega l'affermazione: "Si possono perdere partite perché sei più bravo ed avere più qualità ma in partenza non te la do vinta mai. Dire che un altro è più forte, questo di sicuro si vedrà nella lotta. Poi se prevarrà vincerà, ma non gli daremo una vittoria scontata". Infine, un messaggio all'ambiente nerazzurro: "Entrando nello spogliatoio si respirano delle sensazioni. Siamo una società importante con una storia importante, abbiamo una squadra forte, abbiamo migliaia di persone che hanno scelto noi: dobbiamo far vedere loro che hanno scelto bene".

I più letti