Roma, Pellegrini: "Che emozione il gol nel derby, ora non voglio fermarmi. Devo tanto a Di Francesco"

Serie A
Lorenzo Pellegrini

Il centrocampista giallorosso in esclusiva a Sky Sport: "Che emozione segnare nel derby, il gol di tacco puro istinto e incoscienza. Adesso è il momento di capire chi siamo: vogliamo andare avanti anche in Champions League". Su Di Francesco: "A lui devo tanto, in questi anni mi ha aiutato. Il trequartista? È il mio ruolo preferito"

ROMA-SPAL LIVE

PEROTTI ANCORA KO: TRE SETTIMANE DI STOP

Lorenzo Pellegrini è la rivelazione dell’ultima Roma di Eusebio Di Francesco. Chiamato a sostituire l’infortunato Pastore, il centrocampista azzurro ha stupito in un ruolo inusuale, segnando anche l’importantissimo gol nel derby. Il giallorosso classe 1996 ha raccontato il suo momento in esclusiva a Sky Sport, a cominciare proprio dal tacco contro la Lazio: “Fare gol così fa sempre piacere - ha spiegato - Vivere una giornata come quella dell'ultimo derby è una grande emozione. Sappiamo quanto conti vincerlo a Roma, siamo felici di aver regalato gioia ai nostri tifosi. Il tacco è stato un gesto di puro istinto, forse anche di incoscienza. Se avessi tirato fuori forse nessuno me l'avrebbe perdonato. Mi sono ritrovato il pallone tra i piedi e non ci ho pensato due volte”. La sosta per le nazionali sta per finire, poi comincerà un periodo fitto di impegni: “Abbiamo vissuto serenamente la pausa grazie alle ultime vittorie. Ora ci attende un momento decisivo, tra campionato e Champions. Dobbiamo assolutamente vincere contro il CSKA per passare il turno in Europa. Il ko del Real Madrid? Non ci aspettavamo questo risultato, come nessuno del resto. Se riuscissimo a vincere le due gare col CSKA, saremmo comunque a un ottimo punto per la qualificazione”. Intanto, l’Italia ha risollevato la testa contro la Polonia: “Non posso dire che me l'aspettavo, ma posso dire che è stata una vittoria voluta da tutti. Stiamo vivendo un periodo non semplice, ma questa vittoria nasce dal gruppo che siamo fuori e dentro al campo. Stiamo iniziando a giocare bene, lo avevamo fatto anche con l'Ucraina. Dobbiamo continuare così, rimanendo legati fuori e divertendoci dentro al campo”.

"Mancini ti fa sentire importante. Di Francesco mi ha aiutato"

Pellegrini ha poi parlato del rapporto con i due allenatori, Mancini e Di Francesco: “Il CT è molto bravo nella gestione di tutti noi - ha continuato - ti fa sentire sempre importante e questo per un giocatore è fondamentale. Gioca chi sta meglio, siamo tutti contenti di questo. A Di Francesco devo tanto. Mi ha aiutato in questi anni, facendomi crescere come calciatore e anche come uomo. Fortunatamente il nostro percorso continua insieme, speriamo di fare buone cose anche quest’anno”. E chissà che Pellegrini non possa diventare capitano della Roma in futuro: “Non ci penso ancora. So quanto è importante essere romano e giocare per la Roma, lo sento dentro di me. Essere un calciatore giallorosso è una cosa unica. Il ruolo da trequartista? Mi piace tanto, ho molto spazio per svariare e meno pensieri rispetto alla mezzala. Sono entusiasta di questa nuova posizione, è sicuramente il mio ruolo preferito”. Confronto con Pastore: “Entrambi diamo il massimo per la squadra. Abbiamo tutti un bellissimo rapporto, io, Pastore e il resto dei giocatori. Il punto di forza del Flaco è senza dubbio la tecnica”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche