Juventus, Cristiano Ronaldo punge Perez: "Vi spiego perché ho lasciato il Real. Merito il Pallone d'oro"

Serie A

L’attaccante portoghese ha parlato in esclusiva a France Football: "So già di essere uno dei giocatori più forti di sempre, ma il Pallone d’Oro non è un’ossessione per me". Poi svela i motivi per cui dopo nove anni ha deciso di lasciare il Real Madrid

ALLEGRI: "IL GOL DI CR7 È UNA PRODEZZA"

CR7: "IL GOL? NON LO RICORDO MOLTO BENE"

Andare oltre i propri limiti, sempre. La ricerca della perfezione è uno dei motivi per cui Cristiano Ronaldo è uno dei calciatori più forti di sempre. Una consapevolezza che non ha più bisogno di premi e complimenti per essere fortificata. "L'ho detto molte volte, vincere il sesto Pallone d'Oro non è un'ossessione e io non pongo mai la questione in questi termini. So già dentro di me di essere uno dei migliori giocatori della storia. Sicuramente ne vorrei vincere un altro, mentirei se dicessi il contrario. È un mio obiettivo, segno e vinco anche per questo, senza che sia un'ossessione però. Penso di meritare un altro Pallone d'Oro quest'anno” ha confessato il giocatore della Juventus, in un’intervista esclusiva rilasciata a France Football, che ne ha pubblicato un estratto (quella completa uscirà questo martedì). Tra i vari argomenti toccati, c’è stato anche il trasferimento alla Juve: "Ho fatto molte cose buone a Madrid e ho trascorso bei momenti che ricorderò per sempre, con compagni di squadra molto preziosi, così come i tifosi. Ma dopo nove anni lì era tempo per me di cambiare club e trasferirmi. Perez mi ha sempre visto come in un rapporto d'affari, lo so. Ciò che mi diceva non veniva mai dal cuore". E' il presidente del Real , dunque, e non i soldi il motivo del divorzio dal Real: "Sentivo all’interno del club, soprattutto da parte del presidente, che non mi consideravano più come all’inizio. La verità è che il presidente mi voleva, ma allo stesso tempo mi faceva sapere che la mia partenza non sarebbe stata un problema".

CR7 e l’accusa di stupro

Nelle scorse settimane è stato riaperto il caso di stupro che vede coinvolto in prima persona Cristiano Ronaldo. Il portoghese ne ha parlato così: "Un giorno la verità verrà a galla, ma intanto ho dovuto dare spiegazioni alla mia compagna. Mio figlio Cristiano Jr è troppo piccolo per capire. E' peggio soprattutto per mia madre e le mie sorelle. Sono sbalordite e allo stesso tempo arrabbiate. È la prima volta che le vedo in questo stato".

I più letti