Cies: giovani in campo, Italia sul podio dietro Francia e Germania. Male Liga e Premier

Serie A

Uno studio del Cies rivela che la Serie A è il terzo tra i grandi campionati europei a dare più spazio agli Under 21. Percentuali importanti per Donnarumma, Audero, Barella e Chiesa. Palma nera a Premier League e Liga

Una conferma: che la strada intrapresa è quella giusta, ma che si può ancora fare meglio, ancora di più. A parlare sono i dati del rapporto diffuso dal Cies in merito all'utilizzo degli Under 21 nei vari campionati europei. La Serie A, come un anno fa, si posiziona alle spalle di Ligue1 e Bundesliga, le più virtuose, ma comunque davanti a campionati importanti come Premier League e Liga, dove, forse non lo si direbbe, l'utilizzo dei giovani è meno frequente che da noi. Un buon punto di partenza, insomma, e non ancora un traguardo, come si diceva.

Gli Under21 italiani più utilizzati

Considerando i nostri talenti, in Serie A solo Audero e Donnarumma (entrambi portieri) hanno giocato tutti i minuti a disposizione. Quasi sempre in campo anche Barella (99% dei minuti disponibili), Chiesa (97%) e Mandragora (81%). Nomi che, a parte quello del portiere della Sampdoria che nella passata stagione giocava in B nel Venezia, tornano a un anno di distanza, vedendo comunque crescere ulteriormente il loro minutaggio: se il solo Donnarumma, di questi tempi un anno fa, aveva disputato per intero tutte le gare di campionato, Barella collezionava il 95% dei minuti disponibili, Mandragora il 92% e Chiesa l'81%, dato che meglio di ogni altro certifica quanto l'attaccante viola sia ormai centrale nel progetto della Fiorentina nonostante la giovane età.

Tra gli stranieri, si sono presi il loro spazio i giovani Milenkovic della Fiorentina (altro sempre presente), Kouamè del Genoa (97% dei minuti) e Rogerio del Sassuolo (83%).

Big europee, pochi giovani in campo

In generale, in Italia gli Under 21 vanno in campo per il 9,8% dei minuti, più che in Inghilterra (5,3%) e Spagna (6,1%) ma meno che in Germania (14,7%) e Francia (15,4%), per restare ai cinque principali campionati europei. Confermata dunque la palma nera per la Premier (dove solo Ruben Neves del Wolverhampton colleziona il 100% delle presenze da titolare), nonostante un Liverpool che utilizza con costanza un talento inglese come Alexander-Arnold (82%) o Joe Gomez (85%). Uno sguardo alle altre big europee conferma che solo il Barcellona concede un buon minutaggio a Dembelé (65%): per il resto, c'è poco verde nelle grandi del continente.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche