Mirallas a Sky: "Fiorentina, voglio restare a lungo. Chiesa gran professionista, Raul il mio modello"

Serie A
Fiorentina, Kevin Mirallas spera di restare a lungo in viola

L'attaccante belga a segno contro Sassuolo ed Empoli, ora sogna un posto da titolare nelle scelte di Pioli. In prestito con diritto di riscatto dall'Everton, sul futuro rilancia: "Spero che la società mi voglia tenere qui. C'è tanta concorrenza in attacco, ma anche con il Belgio sono abituato a sgomitare"

MILAN-FIORENTINA, TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

SASSUOLO-FIORENTINA 3-3, PRIMA RETE ITALIANA PER MIRALLAS

Gli ultimi 90 minuti sono quelli che contano più di tutti nella stagione 2018/2019 di Kevin Mirallas. Tra i 15 giocati contro il Sassuolo e i 75 contro l'Empoli, l'attaccante belga con radici in Spagna ha trovato i primi due gol nel calcio italiano. Prima con la rete del pareggio in extremis al Mapei Stadium, valsa il definitivo 3-3 e un punto pesante per la sua Fiorentina, poi il centro che ha risposto al vantaggio dell'empolese Krunic e avviato la rimonta dei viola di Pioli, tornati alla vittoria dopo un digiuno lungo otto partite. Passaporto belga, radici in Spagna, trascorsi calcistici tra Francia, Inghilterra e Grecia, Mirallas è un giramondo per propensione e professione. Che però a Firenze, a 31 anni sulla carta d'identità, spera di trovare stabilità.

Mirallas, messaggio alla Fiorentina: "Spero di restare qui a lungo"

Lo racconta lo stesso attaccante di proprietà dell'Everton, arrivato alla Fiorentina con la formula del prestito con diritto di riscatto a fine stagione, ai microfoni di Sky Sport: “Ora sto bene e spero di restare a lungo qui alla Fiorentina”. Poche parole, ma significative, espresse in un italiano in corso di perfezionamento, misto al ricorso al vocabolario spagnolo: "Vorrei parlare meglio in italiano – confida Mirallas - ma non è facile perché sono qui solo da 4 mesi. Vorrei comunicare in maniera ancora più efficace con i miei compagni di squadra, si è più forti così". In attacco, intanto, l'intesa con i piedi si affina partita dopo partita. La concorrenza, rappresentata dai vari Chiesa, Simeone, Pjaca ed Eysseric, non manca ma Mirallas non ne fa un problema: “Di sicuro è una bella lotta, ma fa parte del gioco. Non è un problema, ci sono abituato anche con la maglia del Belgio".

"Chiesa grande calciatore e professionista, Raul il mio punto di riferimento"

Tra i compagni di squadra, chi ha folgorato l'attaccante arrivato dalla Premier League è Federico Chiesa: "E' un grande talento, ma anche un grande professionista. Non ha vizi – racconta Mirallas - magari molti calciatori della sua età escono, fanno tardi la sera o vanno a ballare. Lui no, è sempre concentrato sul lavoro. I miei modelli? Mio padre è un tifoso del Real Madrid, a casa abbiamo sempre visto le partite del Real. A me è sempre piaciuto molto Raul, sia come calciatore che come professionista”. Due volti della stessa medaglia, spesso vincenti. Affermazione professionale e personale: quella che Mirallas cerca a Firenze, dove Pioli sin qui lo ha schierato per quattro volte da titolare, ma con un minutaggio destinato a crescere se i segnali arrivati con le ultime prestazioni saranno confermati. Il belga è pronto: "Mi sento un leader, mi piace parlare in faccia alle persone e cercare di dare una mano ai miei compagni. Mi trovo a mio agio e spero che il club sia contento di me, confermandomi in futuro”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche