Fiorentina-Inter, Pioli: "Rigore alla fine? Certi falli di mano non li fischierei mai"

Serie A

L'allenatore viola dopo il pareggio con l'Inter: "Certi rigori non li fischierei mai, un calciatore non può giocare con la mano dietro la schiena. Il vantaggio iniziale non l'abbiamo gestito bene, siamo stati bravi a non mollare e a rimontare. Coppa Italia? È una grande occasione per noi"

SPALLETTI: "ARBITRO SENZA SPESSORE"

FIORENTINA-INTER 3-3: GOL E HIGHLIGHTS

SEGNA LA FIORENTINA, È AUTOGOL DI DE VRIJ

FIORENTINA: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Sei gol, continui colpi di scena e tantissimi episodi. Fiorentina-Inter regala emozioni e spettacolo e finisce 3-3, con il discusso rigore segnato da Veretout al 101'. Stefano Pioli ha commentato così la partita del Franchi, partendo ovviamente dagli episodi arbitrali e dagli interventi del VAR: "È stata una partita talmente piena di episodi che è difficile fare una valutazione sull'arbitraggio – ha dichiarato l'allenatore viola a Sky Sport - Certi falli di mano non li fischierei mai, ma ormai li fischiano tutti. Un calciatore non deve giocare con le mani dietro la schiena". Sulla partita, aggiunge: "Siamo stati in vantaggio per troppo poco tempo, siamo usciti male su una palla inattiva e abbiamo preso il pareggio. Ma nel primo tempo la squadra ha giocato bene, abbiamo subito due gol su due tiri in porta. Nel secondo tempo abbiamo preso subito il terzo gol però questa squadra non si arrende mai e siamo riusciti a rimontare".

"La Coppa Italia grande occasione per noi"

Ora testa all'andata delle semifinali di Coppa Italia, mercoledì ci sarà la sfida con l'Atalanta: "Sarà una partita importante, ci teniamo. È un'occasione perché non capita spesso che le prime tre del campionato siano fuori dalle semifinali di Coppa Italia. L'Atalanta è una squadra forte, ma noi abbiamo le nostre carte da giocarci. Le motivazioni per mercoledì ce l'abbiamo, ma siamo una squadra giovane. Ho dato solo un turno di riposo a Muriel che sta giocando sempre da quando è arrivato, poi c'era Milenkovic con la febbre. Ce la vogliamo giocare, sarà difficile e sappiamo che dobbiamo essere preparati a tutto".

I più letti