"I Signori della Serie A", Muriel: "Milan? A Firenze per realizzare i miei sogni"

Serie A

Stasera alle 23.15 su Sky Sport Serie A appuntamento con "I Signori della Serie A”: protagonista l'attaccante viola Muriel. Dalla Colombia a Firenze, passando per Udine, Lecce, Genova (sponda Samp) e Siviglia. "A 27 anni ho ancora voglia di far vedere chi sono. Milan? Avevo dato la mia parola alla Fiorentina"

FIORENTINA-LAZIO LIVE

SERIE A, CALENDARIO E NUMERI DEL PROSSIMO TURNO

Stasera, alle ore 23.15, su Sky Sport Serie A (in replica sabato 9 marzo alle 14.30 e alle 17 su Sky Sport Serie A, alle 20.45 su Sky Sport Football e alle 23.30 su Sky Sport Uno), torna l’appuntamento con “I Signori della Serie A”,  il programma dedicato ai talenti del nostro campionato. Protagonista di questa nuova puntata è l’attaccante della Fiorentina Luis Muriel.

Dalla Colombia a Udine

"Alla Colombia devo tutto, penso al passato al presente e al futuro. Da lì ho preso tutte le forze che ho adesso, per me la Colombia rappresenta tutto. Nel futuro vorrei che le mie bambine conoscessero le loro origini, anche se adesso è difficile. Stanno crescendo con altra cultura. Quando penso alla Colombia trovo le forze per fare sempre meglio e far diventare la Colombia orgogliosa di me e di rappresentarla al meglio. Quando ho iniziato a giocare e segnare di lá, ogni domenica usciva sempre il mio nome da tutte le parti. Alla quarta, quinta partita uscivano voci che mi accostavano ad ogni squadra diversa. Lì inizi a sognare. Dalla quinta, sesta partita, da quando ho iniziato a segnare, tutto è cominciato a diventare una realtà. L’Udinese in Colombia si sentiva tantissimo, perché in quei due e tre anni ci sono andati tanti colombiani: Zapata, Abel Aguilar, Cuadrado, Armero. Prima di sapere della possibilità di andare a Udine, c’era stato un contatto con una squadra messicana che aveva offerto tanti soldi e per un attimo abbiamo pensato a questa opzione. Però, il Deportivo Calì aveva già preso un accordo con l’Udinese. Se l’Udinese fosse stata disposta entro un mese a comprarmi aveva la priorità e, allora, ho aspettato fino all’ultimo che si facessero avanti ed è arrivato il contratto".

Poi a Lecce 

"A 19 anni a Lecce ho vissuto un anno incredibile. Un anno molto bello insieme a Cuadrado, che è stato un amico, che mi ha aiutato e mi ha fatto conoscere l’Italia e il calcio italiano. In quell’anno mi ha aiutato a fare quello che ho fatto, perché ero molto giovane e pensavo a divertirmi. Fare quei gol con il Lecce è stato incredibile, tipo uno con la Roma in casa, credo sia stato il secondo. Oppure, quello che ho fatto a San Siro contro l’Inter. Era l’Inter del post triplete. C’erano ancora tutti quei campioni ed è stato bello giocare e segnare a San Siro".

Cuadrado e le esultanze “ballate”

"A Cuadrado piace molto ballare, era sempre pronto a ballare quando sentiva la musica. Io sono un po’ meno bravo, ma lo accompagnavo. A ogni allenamento preparavamo le esultanze. Mi ricordo che quell’anno c’era il figlio di Piatti che era venuto dall’Argentina e ascoltava un gruppo argentino di cumbia che faceva un passo. Lui veniva ad accompagnare suo padre all’allenamento e incominciava a ballare. Di conseguenza, abbiamo promesso che, se facevamo gol, avremmo fatto quel tipo di ballo e da lì abbiamo iniziato a ballare anche noi".

I gol alla Sampdoria

"Per me la Samp è stata decisiva nella svolta. E' stata la squadra nella quale ho fatto più gol, anche se non sono uno da 20 gol a stagione. Più per una cosa mia, non per le potenzialità. E continuo a ricevere tanti messaggi dai tifosi della Samp per le bella partite".

Quindi a Siviglia

"Quando ho finito la stagione alla Samp sapevo che poteva esserci un trasferimento. Non sapevo in che squadra, ma ero pronto a cambiare. Quando è arrivata la chiamata di Alessandro (Lucci, il suo agente, ndr) che mi diceva che con il Siviglia era già quasi tutto fatto, per me è stata una grande gioia. Perché era un club che vinceva in Europa League da diversi anni e mi poteva permettere di fare un salto di qualità. Per me è stato un momento molto bello e con la mia famiglia abbiamo esultato. È stata un’esperienza positiva. La mia famiglia si è trovata molto bene, ma poi negli ultimi sei mesi pensavo di giocare con più continuità e invece non è successo. Allora, ho pensato di cercare ancora una squadra dove poter dare tutto e di mostrare le mie qualità".

Infine a Firenze. Ma poteva essere la Milano rossonera

"Quando è venuta fuori per la prima volta la possibilità di venire alla Fiorentina, erano i primi giorni di dicembre. Ancora non sapevamo niente del Milan, avevo parlato con il direttore e avevo quasi promesso che sarei venuto a Firenze in caso di buon esito dell’affare e così è stato. Poi nell’ultimo periodo, prima di arrivare qui, è arrivata ancora la chiamata di Alessandro per avvisarmi del Milan e che c’era la possibilità di andare da loro. La decisione era mia e io non ho dubitato tanto, anche se per un momento, per la storia e per quello che rappresenta il Milan, con la mia famiglia un po’ il pensiero l’ho fatto. Però, avevo già parlato con il direttore e avevo già in mente di venire a Firenze e così è stato. A 27 anni ho ancora tanta voglia e voglio realizzare i miei sogni. Questa è stata una delle motivazioni per venire qui alla Fiorentina. Una squadra che mi possa permettere di mostrare il mio calcio e diventare grande. In questi primi 2 mesi sono stato accolto alla grande e questo mi ha permesso di dimostrare tanto e posso fare ancora di più".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport