Fiorentina-Lazio, Pioli: "Il pianto di Chiesa? Soffre quando non è in campo"

Serie A

L'allenatore viola dopo il pareggio con la Lazio: "Non abbiamo perso terreno dall'Europa in questa partita, ma nel girone d'andata. Chiesa è un generoso, quando non può aiutare la squadra soffre. Il mio futuro? Non c'è fretta per il rinnovo, voglio allenare fino a 65 anni perché mi piace il mio lavoro"

FIORENTINA-LAZIO 1-1: GOL E HIGHLIGHTS

INFORTUNIO CHIESA, LE ULTIME NOTIZIE

FIORENTINA: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Altro pareggio in rimonta al Franchi per la Fiorentina, contro la Lazio finisce 1-1. I viola soffrono e vanno sotto nel primo tempo con il gol di Immobile, poi recuperano nella ripresa grazie a Muriel. Questo il commento di Stefano Pioli, che parte dalla corsa per l'Europa: "Non abbiamo perso terreno questa sera, ma nel girone d'andata dove abbiamo fatto pochi punti – ha dichiarato a Sky Sport - Ora ci attendono due mesi decisivi, con sette partite di campionato e il ritorno di Coppa Italia. Purtroppo la squadra non ha reagito bene dopo le tre partite in una settimana, anche l'ambiente è andato un po' in depressione. Nel primo tempo abbiamo avuto delle difficoltà, nel secondo tempo abbiamo fatto meglio e si è visto. Il pianto di Chiesa? Ha avuto un risentimento addominale. È un ragazzo di una generosità e di una passione per i nostri colori incredibili, quando non può aiutare la squadra soffre tanto. Ma tutta la squadra ha grandi qualità dal punto di vista caratteriali".

"Rinnovo? Non c'è fretta. Allenerò fino a 65 anni"

Pioli è in scadenza di contratto: "Da nove mesi è così, sono tranquillissimo. Ho investito molto sul mio lavoro. Ma una cosa sul futuro la so: ho detto alla mia famiglia che allenerò fino a 65 anni, quindi ho ancora tempo. Non so dove lo farò, spero ancora di poter fare una stagione positiva ora. Ho ancora tanta voglia di stare sul campo, poi se a 65 anni mi chiamerà una Nazionale magari potrei prolungare la mia carriera per una nuova esperienza. Sono in evoluzione, sto migliorando anno per anno, mi piace stare con i calciatori e avere dei rapporti per migliorarli. Per i ragazzi che sto allenando ora credo di essere il miglior allenatore del mondo, si è creato un bellissimo rapporto. Non ho fretta per il rinnovo, aspettiamo due mesi e poi vedremo. Ma io ho già deciso cosa farò".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport