Milan, Reina: "Razzismo? Kessié e Bakayoko esemplari. Non siamo noi a dover fermare gare"

Serie A

Dopo i cori razzisti uditi durante Milan-Lazio di Coppa Italia, è stato il portiere spagnolo a lanciare un messaggio duro: "Non tutti i tifosi sono così, gli imbecilli ci sono ovunque ma non dobbiamo essere noi a interrompere le partite. Ci sono gli arbitri e la Procura, questo è il loro lavoro"

FUTURO GATTUSO, NEWS LIVE

E' uno dei leader nello spogliatoio del Milan a lanciare un messaggio forte e chiaro dopo i cori razzisti uditi durante la semifinale di ritorno Milan-Lazio rivolti, nello specifico, a due giocatori rossoneri, Franck Kessié e Timoue Bakayoko. Pepe Reina ha voluto così stigmatizzare l'episodio ma anche chiarire ciò che andava fatto: "Si deve essere forti nel lanciare un messaggio contro il razzismo - ha spiegato in esclusiva a Sky Sport - Gli imbecilli ci sono dappertutto, sono solo dei cretini che sono rimasti al 1800, non tutti i tifosi sono così". Una condanna dura rispetto ad episodi che contribuiscono a rendere meno appetibile il campionato italiano: "Franck e Baka via per queste cose? Sono dei ragazzi seri, con la testa sulle spalle e non bisogna arrivare a questi pensieri, speriamo sia l'ultima volta".

Ma chi sarebbe dovuto intervenire? "Noi calciatori non possiamo fermare le partite, non abbiamo questo potere - ha proseguito - Sono gli arbitri o la Procura che devono occuparsi di queste cose, è il loro lavoro. Noi l'unica cosa che potevamo fare era giocare a calcio, loro devono occuparsi di queste cose".

Su quanto sentito in campo: "Tutti abbiamo sentito i cori provenire dagli spalti, Franck e Baka si sono comportati benissimo, avrebbero potuto comportarsi diversamente ma hanno solo pensato a giocare, vista anche l'importanza della partita. Di queste cose doveva occuparsene Romeo (l'arbitro ndr), onore a Kessié e Bakayoko che hanno continuato a giocare per la sqaudra".

Reina: "Champions? Ce la faremo"

Queste invece le impressioni sulle chance del Milan di centrare la qualificazione in Champions: “Abbiamo ancora l'opportunità di difendere il quarto posto e siamo consapevoli che si può fare, dobbiamo essere ottimisti e bisogna migliorare. Bisogna fare prestazioni buone per arrivare ai risultati, ognuno di noi deve sapere che il 5, 10 o 15% in più si deve sempre dare. Questa partita col Torino arriva in un momento in cui siamo tutti vicini e giochiamo contro un avversario diretto, con la Roma che spinge e con l'Atalanta che fa cose straordinarie, ora l'Inter giocherà con la Juve e la possiamo mettere nella mischia”.

Sul ruolo di dodicesimo: “Io sono contento di ciò che ho fatto quest'anno a livello personale, il titolare è Gigio e lo è meritatamente, è in forma ed è cresciuto molto. Il mio ruolo è dargli una mano, poi se la squadra ha bisogno di me io sarò pronto”.

Ce la farà il Milan ad arrivare quarto? “In questo momento direi di sì, ma è dura e mancano 5 partite. Ora abbiamo la fortuna di essere quarti e dobbiamo difendere la posizione con cuore e anima. Siamo tutti con l'allenatore, dal primo all'ultimo: per noi non ci sono dubbi”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport