Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
08 maggio 2019

Shevchenko: "Mi piacerebbe allenare il Milan. Gattuso sta facendo molto bene"

print-icon

L’attuale commissario tecnico dell’Ucraina ha parlato così della possibilità di allenare i rossoneri: “Mi piacerebbe, sono ancora molto legato alla società e ai tifosi. Poi tanti miei ex compagni allenano e molti di questi sono anche passati per il Milan, ma ora alleno la nazionale”

FIORENTINA-MILAN LIVE

COME STA CAMBIANDO LO STADIO DELL'ATALANTA: FOTO

BIGLIA, NESSUNA LESIONE: CONTUSIONE AL BACINO

Sky Calcio: Serie A TIM 7 partite su 10 ogni turno

Otto anni di successi, quelli trascorsi da Andriy Shevchenko al Milan, che gli hanno permesso anche di vincere il Pallone d’Oro nel 2004. Inevitabile, dunque, che il legame con i rossoneri sia ancora fortissimo. Al punto tale da immaginarsi in futuro ad allenare la squadra che faceva sognare con i suoi gol. “Un giorno mi piacerebbe guidare il Milan, sono molto legato sia al club che alla gente. Ora quasi tutti i miei ex compagni sono allenatori e diversi lo hanno fatto proprio a Milano. Magari arriverà anche il mio turno. Intanto ho un impiego con la nazionale, quindi in questo momento sono occupato” ha precisato Sheva in un’intervista rilasciata a DAZN. “Gattuso sta facendo un grande lavoro secondo me, deve continuare così. Ha sempre avuto grandi qualità umane ed è un ottimo motivatore. Non mi aspettavo diventasse così completo, perché da calciatore era troppo emotivo: litigava con arbitri e avversari, ora è diverso e regge bene il lavoro”.

I momenti difficili e il rapporto con Ancelotti

All’inizio, Shevchenko non si abituò subito al calcio italiano. “Nei primi giorni al Milan, dopo due ore e mezza di allenamento tattico, chiesi a Costacurta quando effettivamente si cominciasse perché per me era una passeggiata. Billy poi si mise a ridere e lo raccontò a tutti” ha ricordato il c.t. dell’Ucraina. Ma ci sono stati anche momenti complessi: “Al terzo anno, quando arrivò Ancelotti, ebbi diversi problemi fisici e quando recuperai la squadra giocava bene con una sola punta. Sono stato fuori per tre mesi ma Ancelotti mi motivava, mi fece capire che sarebbe arrivato il mio momento e che dovevo farmi trovare pronto. Mi fece giocare con il Real Madrid avvisandomi due giorni prima, preparammo alla perfezione la partita e feci anche gol. Da lì ho trovato più spazio, Carlo passò al modulo con due attaccanti e l’anno dopo vincemmo la Champions League”.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi