Roma, Ranieri: "In futuro allenerò, non sarò supervisore. Restare? Non mi do speranze"

Serie A
(lapresse)

L'allenatore giallorosso esclude un futuro da dirigente o da supervisore: "Quando sono stato contattato mi è stato offerto un ruolo per il dopo, ma ho detto no: ancora mi diverto ad allenare. Restare alla Roma? Non mi va di darmi speranza". Sulla corsa Champions: "Ci crediamo fino alla fine"

ROMA-JUVE 2-0, GOL E HIGHLIGHTS

REUNION CAFU-NEDVED: 19 ANNI FA TRIPLO SOMBRERO

ROMA SESTA, CHAMPIONS POSSIBILE

ROMA: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

“Sono un allenatore, il mio futuro è quello”. Claudio Ranieri tiene la Roma in corsa per la Champions (2-0 alla Juventus, ndr) e aggiunge qualche dettaglio su quello che potrà essere il suo futuro, escludendo un ruolo dirigenziale nel club giallorosso. “Quando sono stato contattato mi è stato offerto un ruolo per il dopo, ma ho detto no - ha ammesso nel post partita dell’Olimpico - Ancora mi diverto ad allenare e io faccio quello di lavoro. Voglio decidere con la mia testa, vado avanti sulla mia strada e voglio allenare”. Lo stesso Ranieri alla vigilia di Roma-Juve si era tirato fuori dalla corsa a un ruolo di primo allenatore per la prossima stagione, ma visti i buoni risultati ottenuti in questo spezzone di stagione potrebbe ambire a restare in giallorosso: “Non ho alcun tipo di sensazioni - ha precisato - Ho firmato fino a fine campionato. Non mi va di darmi speranza, penso soltanto a lavorare. Come rinforzare la squadra? Dal momento che sono qui, so cosa bisognerebbe fare ma non vuol dire nulla. Lo sa anche la società e sta aspettando di capire dove saremo a fine anno”.

"Sono soddisfatto, Champions ancora possibile"

Una Roma che ha saputo contenere la Juventus, per poi scatenarsi nel secondo tempo: “Sono soddisfatto - ha proseguito l’allenatore giallorosso, analizzando la partita - C’è voluto un grande Mirante a tenerci in gara. Dobbiamo continuare a crederci, ogni cosa è ancora possibile, anche se non dipende tutto da noi. Vogliamo arrivare in fondo con la coscienza a posto”. Una Roma che in generale sembra cresciuta dal punto di vista tattico. “Credo che il miglioramento della squadra dipenda da tutto - ha spiegato Ranieri - Non voglio un pressing molto alto, oggi abbiamo rischiato in qualche occasione. Rimanendo più corti, i difensori si sentono più sicuri e gli avversari trovano meno spazi. È il succo di quanto facciamo in settimana e non vuol dire che non vogliamo attaccare, ma lo facciamo in modo diverso. Non ho un credo calcistico in particolare, mi adatto ai giocatori che ho a disposizione e cerco di capire le loro caratteristiche”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport