Roma, Totti sarà il nuovo direttore tecnico: "Ancora non so nulla. Vedremo"

Serie A

Il presidente Pallotta ha già dato l'ok definivo, l'ex numero 10 giallorosso sarà il nuovo direttore tecnico del club, ruolo che aumenterà il suo potere decisionale nella società. L'ufficialità arriverà al termine del campionato. Totti ha anche ricevuto il premio alla carriera assegnatogli dal memorial 'Niccolo' Galli', evento in cui ha parlato di Zaniolo: "Ha buone prospettive"

SERIE A, GLI ORARI DELL'ULTIMA GIORNATA

ROMA, TENTAZIONE BIELSA PER LA PANCHINA

ROMA, LA CONTESTAZIONE DEI TIFOSI SOTTO LA SEDE

VOLATA CHAMPIONS, TUTTE LE COMBINAZIONI

Una piccola fiammella Champions ancora viva, Roma chiamata a vincere contro il Parma nell’ultima giornata di campionato e sperare negli incastri positivi dagli altri campi. Poi, in casa giallorossa, si penserà solo al futuro. Una rivoluzione che riguarderà giocatori, allenatore (tentazione Bielsa viva, con ‘el loco’ alternativa a Gasperini, al momento prima scelta giallorossa) e società. In quest’ottica, infatti, è già stata presa una decisione importante: Francesco Totti sarà nominato direttore tecnico. Un nuovo incarico nella carriera dell’ex numero 10 e attuale dirigente giallorosso che lo porterà ad avere maggiore potere decisionale e un ruolo di primo piano nella scelta dei giocatori e per tutte le vicende di campo, oltre che a uno stretto rapporto con il futuro allenatore della squadra. Decisione già presa da parte del presidente Pallotta e che verrà ufficializzata dopo la gara contro il Parma, a campionato dunque concluso: il numero uno giallorosso ha già infatti dato il suo ok definitivo alla nomina di Totti come nuovo direttore tecnico, un segnale arrivato proprio nei giorni delicati della vicenda De Rossi.

Ambiente amareggiato dalla vicenda De Rossi

La decisione di non rinnovare il contratto di De Rossi e dunque di separarsi a fine stagione dal centrocampista ha provocato la rivolta dei tifosi della Roma, che hanno pesantemente contestato Pallotta. Un ambiente, quello giallorosso, deluso e amareggiato per il trattamento riservato a uno dei simboli del club, ma che adesso vedrà un’altra leggenda – Totti, appunto – sempre più al centro della Roma del presente e del futuro.

Totti: "Zaniolo ha buone prospettive"

"Mi fa piacere essere premiato da Giovanni, dalla sua famiglia. Sono onorato e orgoglioso di ritirarlo e sono contento di far parte di questa famiglia". Totti ha ricevuto a Firenze il premio alla carriera assegnatogli dal memorial 'Niccolo' Galli'. Il dirigente giallorosso ha ricordato Niccolo' Galli, figlio dell'ex portiere Giovanni, scomparso nel 2001 in un incidente stradale, in particolare "il giorno del suo esordio in Serie A, a Roma, nel 2000". Totti ha aggiunto: "Sui settori giovanili bisogna puntarci. Quando si è giovani bisogna pensare a divertirsi e basta. L'importante è crescere con educazione, rispetto, con i valori trasmessi dalla propria famiglia. Zaniolo? Ha buone prospettive". Poi ha aggiunto: "Mi sono divertito tanto, anche oggi veramente. È stata la mia fortuna, ma tutto parte dalla testa, dai valori. Quando c'è divertimento soprattutto nello sport che si pratica diventa tutto più semplice. È stato il mio sogno fin da bambino, divertirmi con il pallone tra i piedi. A 9 mesi avevo accanto a me il 'Super Santos', il mio amico di viaggio. Quanto mi diverto da dirigente? Su rettangolo di gioco mi divertivo di più, era molto più facile per me. Da dirigente sto capendo molti meccanismi che non pensavo ci fossero e quello che è uscito sul giornale sul mio futuro ruolo da direttore tecnico lo valuteremo più avanti. Adesso non so niente".

I più letti