Mancini: "Juve favorita per lo scudetto, poi Napoli e Inter. Balo? Ha tanto da dare"

Serie A

Il Ct azzurro alla Gazzetta dello Sport: "Per lo scudetto dico bianconeri favoriti, sono in assoluto i più forti". Poi su Balotelli: "Magari giocare vicino a casa lo farà stare più tranquillo. Ha tanto da dare, ma io non posso più farci niente". E su Icardi-Dybala: "Li vedo perfetti per giocare insieme"

BALOTELLI HA SCELTO BRESCIA

CHIELLINI: "ICARDI ALLA JUVE FANTACALCIO"

Manca meno di un anno a Euro2020 e Roberto Mancini è già carico. La sua Nazionale si ritroverà a Coverciano ai primi di settembre per i due match contro Armenia e Finlandia. Intanto lui si gusterà l'avvio della nuova Serie A, che a questo giro si prospetta più combattuta: "È presto per dirlo, aspettiamo - ha spiegato il Ct della Nazionale alla Gazzetta dello Sport - la Juve in assoluto è la più forte, non dimentichiamo che vince da otto anni e si è pure rinforzata: anche l’Inter, ma la Juve non è stata ferma. E come vice Juve vedo pericoloso il Napoli: ha gli stessi giocatori che ormai giocano insieme da anni, mentre l’Inter ne ha già cambiati 4-5 e perde giocatori importanti come Icardi e Perisic. Andrà valutata dopo un po’ di tempo, ma di sicuro sta migliorando. Per ora metto in fila Juve, Napoli e Inter”. Un occhio di riguardo ai giovani, che rappresentano il nuovo volto dell'Italia. Fra questi anche Chiesa, rimasto alla Fiorentina nonostante le tante voci di mercato: "È giovane. È fondamentale che i ragazzi giochino, tutti: se poi qualcuno ha la fortuna di farlo anche in Europa, tanto meglio. Quello che conta davvero è che nel frattempo siano diventati pilastri delle proprie squadre: due anni fa non lo erano, oggi sì. Questo li deve far maturare”.

"Balo? Non posso più farci niente"

Chi l'azzurro vuole rimetterselo sulle spalle è Mario Balotelli, che nel frattempo ha accettato la sfida Brescia con l'obiettivo di convincere Mancini, da sempre un suo estimatore: "Il paradosso è che a 29 anni, e per il secondo anno di fila, a meno di dieci giorni dall’inizio del campionato non avesse ancora la certezza assoluta di una squadra. Non ha fatto una preparazione, non si è allenato regolarmente: deve riflettere, non è normale. Il Brescia? Non era questione di Italia o di Brasile, ma di trovare una squadra, finalmente. E se sarà una buona soluzione non dipenderà dal Brescia, ma da lui: magari giocando più vicino a casa si sentirà più tranquillo, ma non basterà. Io gli voglio bene, ma per lui non posso fare più niente: deve pensare che è nel pieno della sua carriera e che ha ancora tanto da dare. Se vuole”. Chiosa finale sulla situazione Icardi, il cui futuro si sta facendo sempre più enigmatico: "È un giocatore che garantisce 20-25 gol all’anno: a me spiace per lui e spero che questa situazione si risolva presto. Non so se sarà beato chi lo prenderà, ma so che è giovane e può ancora migliorare. Scambio con Dybala? Quando volevo Dybala, che per me è un grande giocatore, li vedevo perfetti per giocare insieme” ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche