Lazio-Genoa, Immobile abbraccia Inzaghi dopo il gol. VIDEO

Serie A

Dopo la rete del 4-0, l’attaccante è corso ad abbracciare l’allenatore con cui aveva avuto qualche piccolo attrito una settimana fa. "Per me è un fratello maggiore, qualche incomprensione ci può stare in quattro anni. Mi ha sempre dato fiducia, così abbiamo messo la parola fine" ha detto Immobile

LAZIO-GENOA, GOL E HIGHLIGHTS

LAZIO, CAICEDO RINNOVA FINO AL 2022

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

L’assist, il gol e poi l’abbraccio, per lasciarsi tutto alle spalle. Ciro Immobile ha messo il punto esclamativo al successo della Lazio sul Genoa, segnando la rete del 4-0 finale e servendo Milinkovic-Savic sul primo gol. Ma soprattutto l’attaccante ha lanciato un messaggio importante: con Simone Inzaghi è tutto risolto. Infatti dopo aver segnato, il giocatore è corso ad abbracciare l’allenatore. "Ormai è tutto passato, mi dispiace. Per me è un fratello maggiore, mi ha sempre dato fiducia. Non ci sono giustificazioni per quello che ho fatto, ma sono stato vero nella reazione come nei momenti successivi. Qualche incomprensione ci può stare in quattro anni, concedetemene una. Con l’abbraccio ho voluto mettere fine a questa storia, anche se già lo aveva fatto il mister" ha detto Immobile al fischio finale, intervistato da Sky Sport. Guardando alle scorse partite, c’è delusione per i punti persi: "C’è rammarico per la gara con l’Inter, perché ce la siamo giocata alla pari con una squadra che forse lotterà per il titolo. Dobbiamo entrare con la testa nella partita, perché siamo ancora troppo discontinui nei risultati. Quando abbiamo voglia di giocare facciamo divertire la gente, purtroppo alterniamo grandi partite a grandi cavolate".

L’analisi di Inzaghi

Sulla discussione con Immobile, anche Simone Inzaghi ha voluto chiudere definitivamente la questione, nell’analisi post partita su Sky Sport: "Se n'è parlato anche troppo, dopo la partita col Parma era stato risolto tutto. Nel calcio ne succedono molte di cose così, anche lontano dai riflettori. Si è parlato tanto per la gara di Milano, ma devo fare scelte. Ha fatto una partita straordinaria e non è una novità per lui". L’allenatore si è detto molto soddisfatto, è questa la Lazio che vuole: "I ragazzi sono stati bravi, abbiamo interpretato bene da subito la gara giocando il nostro solito calcio. Siamo stati cinici, sfruttando le occasioni. Nel primo tempo potevamo fare un gol in più ma non posso rimproverare nulla ai ragazzi, è stata un'ottima risposta. Era una partita importante per noi perché la classifica doveva essere migliore rispetto a quanto stiamo esprimendo. Giocar bene va benissimo, ma dobbiamo essere cinici e muovere la classifica. 10 punti non corrispondono a ciò che abbiamo fatto". Contro il Genoa è andato a segno anche Caicedo. "È un giocatore importante, l'ho sempre difeso perché è molto utile alla squadra. Per il nostro gioco si fa sempre trovare pronto, a Milano aveva fatto bene e l'ho cambiato solo perché mi ha detto di aver avuto un problema fisico" ha concluso Inzaghi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche