Parma Torino, D’Aversa: "Bravi a crederci fino alla fine. Inglese fuori per febbre"

Serie A

L’allenatore del Parma ha analizzato la vittoria sul Torino nel posticipo della sesta giornata: "Ottima gara di squadra, abbiamo creato molto anche quando eravamo in parità in campo. Inglese in panchina perché aveva la febbre, eppure è stato decisivo"

PARMA-TORINO 3-2, GOL E HIGHLIGHTS

MAZZARRI: "GARA STREGATA, IN 11 NON AVREMMO PERSO"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Ancora una volta in extremis, il Parma trova la seconda vittoria consecutiva battendo il Torino e si porta a ridosso della zona Europa. Roberto D’Aversa ha commentato così il successo intervistato nel post partita di Sky Sport: "Ci piace soffrire, ma se l’esito finale è questo va bene sbagliare il rigore. A parte tutto, la squadra ha fatto un’ottima gara, anche quando eravamo in parità numerica. Anche noi abbiamo commesso degli errori, in una gara dove abbiamo creato moltissimo e l’abbiamo messa a rischio. Brava la squadra a crederci fino alla fine". Ha fatto rumore l’esclusione di Inglese dal primo minuto, ma l’allenatore ha chiarito: "Non ha giocato perché nella notte scorsa ha avuto 39.3 di febbre e ha chiesto di venire ugualmente in panchina, contribuendo nei limiti delle sue possibilità e alla fine è risultato decisivo. Spesso ci fossilizziamo su un gol o un rigore sbagliato: col Sassuolo per me aveva fatto un’ottima partita, se avesse segnato avremmo parlato di un ottimo Inglese. Ci facciamo influenzare spesso dal gol per giudicare un attaccante, ma Roberto è un giocatore importante indipendentemente dalle reti che segna. Sono contento anche che Cornelius abbia fatto bene alla prima da titolare. L’allenatore che può far giocare tutti non esiste, ma c’è tempo e spazio per tutti".

Elogi per Kulusevski

Ha impressionato positivamente la prestazione di Kulusevski, giovane di proprietà dell’Atalanta di ottime prospettive. "Se si analizzano i dati, fa 14 chilometri a partita. Se impara ad essere meno frenetico e più determinante, per le qualità che ha, può diventare seriamente un giocatore importante. All’Atalanta crescono giovani mentalizzati, deve continuare così e migliorare nel gesto tecnico, perché può fare molto di più" ha concluso D’Aversa.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche