Atalanta, Gasperini: "All'Inter mi sono bruciato, Bergamo piazza ideale"

Serie A

In un'intervista alla Uefa, l'allenatore dell'Atalanta ha parlato della sua carriera e delle prospettive di crescita della sua squadra: "Possiamo competere ad alti livelli". Sull'esperienza all'Inter: "A Milano mi sono bruciato un po'".  Poi lancia messaggi di stima al Papu Gomez: "E' un giocatore di spessore internazionale"

FESTA ATALANTA: LE FOTO DELLA NUOVA CURVA

ATALANTA-LECCE 3-1: GOL E HIGHLIGHTS

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

"Possiamo stare in alto e continuare a crescere". Gian Piero Gaseprini non ha dubbi sulle potenzialità della sua Atalanta. In un'intervista rilasciata alla Uefa, l'allenatore ha parlato delle prospettive di crescita della sua squadra e dell'esperienza in Champions League: "Non ci siamo arrivati per caso. Dopo la sconfitta con la Dinamo Zagabria volevamo dimostrare di poter calcare certi palcoscenici e abbiamo tutte le possibilità per continuare a farlo. Quando sono arrivato qui abbiamo inziato un progetto ambizioso cambiando giocatori ogni anno: questa è il prima stagione in cui abbiamo mantenuto un bel po' degli elementi della rosa. Dobbiamo continuare così". Un elemento imprescindibile di questa squadra è senza dubbio Papu Gomez. Al fantasista argentino Gasperini riserva parole al miele: "E' un leader sia in campo che fuori. Quando è arrivato qui era più attaccante, ora ha arretrato il suo raggio d'azione diventando un giocatore di livello internazionale. Peccato sia arrivato un po' tardi al grande calcio".

Gasperini: "A Bergamo la piazza ideale"

Gasperini ha parlato anche del suo passato: "A Crotone e Genoa ho vissuto grandi soddisfazioni. In Calabria ricordo la promozione dalla Serie C alla Serie B, a Genova quella in A e la qualificazione all'Europa League. Ma i risultati più importanti li ho raggiunti con l'Atalanta. A Bergamo sono riuscito a riscattare la brutta esperienza con l'Inter. Lì mi ero un po' bruciato ad alti livelli." Alla base del successo c'è sicuramente una società solida e una piazza appassionata: "Un presidente ambizioso e un ambiente stimolante e claloroso: una serie di componenti che hanno creato i presupposti giusti per i nostri risultati"

Gasperini: "Milito e Motta? Leader grazie a me"

Nei suoi trascorsi Gasperini si riconosce un'abilità in particolare. Quella di valorizzare i suoi giocatori:  "Al Genoa c'erano Milito e Motta che venivano da stagoni in cui non avevano espresso in toto le loro potenzialità. Ho saputo rilanciarli e sono diventati i leader della squadra".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche