Lazio, Acerbi rivela: "Al Milan bevevo di tutto: mi ha salvato la malattia"

Serie A
©LaPress

Le confessioni del difensore biancoceleste: "Può sembrare un paradosso terribile, ma il cancro mi ha salvato.  Obiettivi? Il campo fino a 38 anni, qualche soddisfazione da togliermi con la Lazio, poi farò l'allenatore"

FIORENTINA-LAZIO LIVE

La malattia, la rinascita, i progetti. Francesco Acerbi si è raccontato nel corso di una lunga intervista rilasciata a La Repubblica, a partire dal tumore al testicolo sinistro che gli ha davvero cambiato la vita: "Ho smesso di avere paura sei anni fa", ai tempi della drammatica diagnosi. "Ci sto ripensando proprio in questi giorni: Ace, che fai se quella roba ritorna? La affronterò di nuovo, mi sono risposto. Vedo le cose ben chiare davanti a me e so che da un giorno all’altro potrebbe cambiare tutto". Una recidiva c'era già stata, nel 2013 al testicolo destro. "Tre mesi di chemioterapia, l'ingresso in un mondo parallelo e più vicino di quanto immaginassi", spiega il difensore oggi 31enne. "Un mondo che non abbandoni più: straordinario, pieno di dolore e di coraggio". Al punto da venire tradotto in energia positiva: "Può sembrare un paradosso terribile", la confessione di Acerbi. "Ma il cancro mi ha salvato: ero al Milan, mi sono venuti a mancare gli stimoli, non sapevo più giocare. E bevevo, bevevo di tutto. Poi ho avuto di nuovo qualcosa contro cui lottare, un limite da oltrepassare. E sono ritornato bambino".

"Con Squinzi ci bastava uno sguardo. Futuro? Farò l'allenatore"

Acerbi continua a raccontare le svolte legate alla malattia: "Sono diventato un osservatore del paesaggio che sta attorno a me. Ho eliminato il superfluo: calcio, casa e il venerdì con lo psicanalista che mi segue dai tempi di Sassuolo mi bastano per tenere a bada l'ansia. Ma ho anche rimosso dalla mia vita le persone negative e le illusioni". Fissando gli obiettivi passo dopo passo. "Ho smesso di sognare, preferisco fissarmi dei traguardi semplici. Volevo la Nazionale, per esempio, e me la sono ripresa". Il prossimo step? "Il campo fino a 38 anni, qualche soddisfazione da togliermi con la Lazio, poi la panchina. Voglio fare l'allenatore". Un commento, infine, sul rapporto con Giorgio Squinzi, lo storico presidente del Sassuolo scomparso lo scorso 2 ottobre: "A volte ci bastava uno sguardo, altre volte un abbraccio", lo ricorda Acerbi. "Ci siamo capiti e rispettati. Non chiedetemi di aggiungere altro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche