Cannavaro: "Ibrahimovic? Ci penserei bene prima di investire su di lui"

Serie A

L'attuale allenatore del Guangzhou Evergrande ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport, analizzando il momento del Napoli: "Gattuso è carico, l'anno scorso al Milan ha fatto un grandissimo lavoro. Insigne deve tornare a fare quello che ha sempre fatto: gol e assist e la gente si dimenticherà di tutte le polemiche"

Dal Napoli, squadra della sua città e nella quale è cresciuto, fino ad arrivare a Juventus e Inter. Fabio Cannavaro ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport, analizzando a 360° il momento attuale della Serie A. A partire proprio dagli azzurri e dall'arrivo in panchina di Gennaro Gattuso: "L'ho sentito carico, con tanta voglia. Rino è un allenatore che l'anno scorso ha fatto un grandissimo lavoro al Milan, anche se poi a fine anno è andato via. Si vedeva la sua mano nonostante non avesse grandissimi giocatori, speriamo riesca a farlo anche a Napoli".

 

Napoli che è passato dall'esonero di Carlo Ancelotti. Un rapporto, quello tra l'allenatore e il club, che ha cominciato a deteriorarsi dopo l'ammutinamento della squadra che ha rifiutato il ritiro imposto dalla società. Una situazione che Cannavaro ha commentato in questo modo: "Partiamo dal presupposto che il ritiro non piace a nessuno. Non so cosa sia successo all'interno dello spogliatoio e non posso giudicare, quello che è certo è che la situazione non è stata gestita al meglio. Sappiamo che Napoli è una piazza particolare e giocatori, società e allenatore dovevano gestire la situazione diversamente. Qualcosa è andato storto e adesso la squadra ne paga le conseguenze".

 

Tra i giocatori più criticati dal pubblico azzurro nelle ultime settimane c'è sicuramente Lorenzo Insigne. Cannavaro ha la ricetta per far sì che il capitano azzurro riesca a tramutare i fischi in applausi: "E' una tassa che deve pagare. Deve rimanere sereno e deve tornare a fare quello che ha sempre fatto. Ha grandi qualità tecniche, deve crescere sul piano della personalità perchè adesso è il capitano e ha addosso una responsabilità in più. Ma gli basterà tornare a fare gol e assist che la gente si dimenticherà di tutto".

 

Napoli che si guarda intorno in vista del mercato di gennaio. E il nome che circola con maggiore insistenza è quello di Ibrahimovic: "Zlatan è un giocatore che ha fatto cose incredibili, un vero leader. Ma il Napoli deve anche pensare a far emergere nuovi giocatori, Ibra è un grandissimo ma ha 38 anni. Se fossi una società, ci penserei un po' prima di investire su un calciatore di quell'età. In ogni caso lui è innamorato di Napoli, una volta abbiamo fatto un bel giro della città insieme in vespa".

 

Fabio Cannavaro ha vinto da qualche settimana il campionato cinese sulla panchina del Guangzhou Evergrande. Anche se il sogno dell'ex difensore azzurro rimane quello di guidare una squadra in Italia, patria da sempre di grandi allenatori: "Penso che Sarri sia quello che incuriosisce di più in Italia, ti fa giocare bene sia in fase difensiva che offensiva. Un allenatore che cerca di controllare le partite e mantenere sempre alta l'intensità. E' sicuramente uno degli allenatori più moderni in circolazione".

 

Sarri che nelle ultime due gare ha deciso di schierare dal primo minuto Dybala, Ronaldo e Higuain. Un tridente che Cannavaro schiererebbe in ogni circostanza: "Quei tre davanti possono garantirti quasi un gol a testa a partita. Basterebbe solo organizzare un po' la difesa e la squadra è a posto. Il calcio oggi è cambiato, non esiste più l'attaccante che sta fermo davanti. C'è più organizzazione di squadra, è un calcio nuovo che ha sempre il suo fascino ed è giusto che giochi chi è più forte. Cristiano, Dybala e Higuain sono i più forti e devono giocare loro".

 

Cristiano Ronaldo che ha realizzato mercoledì sera un gol meraviglioso contro la Juventus. Una rete figlia di uno stacco di 256 cm, un gesto atletico non certo casuale: "Sono caratteristiche, alla base c'è comunque un lavoro e la voglia sempre di migliorarsi. Cristiano Ronaldo in questo è un esempio per tutti, forse non ha più il dribbling di una volta ma ha capito come giocare e, con la sua esperienza, riesce comunque a segnare un gol a partita. Rimane comunque un esempio da seguire, si è adeguato al calcio moderno e continua ad avere risultati eccezionali".

 

Juventus che ha dovuto affrontare anche il difficile inizio di stagione di Matthijs De Ligt. Il difensore olandese ha pagato un periodo di ambientamento, sensazione provata in passato anche dallo stesso Cannavaro: "Mi sono rivisto molto in lui. Quando lasciai la Juve per andare al Real Madrid, dopo il Mondiale vinto, c'era grande aspettativa su di me. Ho avuto un periodo in cui ogni partita mi saltavano come un birillo, ero sempre ammonito, rigori, falli di mano. Capita avere periodi del genere quando cambi squadra. Ma parliamo di un ragazzo che ha qualità che difficilmente si trovano in giro. Ha personalità, tecnica, forza fisica: è un gran difensore".

 

Infine, una battuta anche sull'Inter, trascinata dai gol di Lautaro Martinez: "Mi ha sorpreso. L'anno scorso ha avuto qualche problema ad ambientarsi, ma quest'anno sta dimostrando tutto il suo valore. Ha una voglia di segnare incredibile e trasmette energia positiva anche ai compagni. Inoltre fa un lavoro incredibile di cui beneficia anche Lukaku".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche