Djorkaeff: "Conte? Ai miei tempi non avrebbe mai allenato l'Inter. Sta facendo bene"

Serie A

Il francese in esclusiva a Sky Sport scherza su Conte: "Ai miei tempi non avrebbe mai allenato l'Inter". Poi esalta i nerazzurri: "Stanno facendo bene, negli anni possono ritornare a vincere ma sono già una candidata per lo scudetto". E sul gol alla Roma: "Lo rivedo sempre, nelle prime due ore a Milano ne ho parlato mille volte"

La Juventus è campione d'inverno, ma l'Inter è lì a 2 punti di distanza al termine del girone d'andata. I nerazzurri sono riusciti a riproporre un duello visto più volte nella storia del calcio italiano. Ne ha vissuti tanti Youri Djorkaeff, che in nerazzurro è riuscito però a vincere soltanto una Coppa UEFA. Il francese ha parlato del momento dell'Inter e, in particolare, del lavoro di Antonio Conte, iniziando con una battuta: “Ai miei tempi non avrebbe mai allenato l'Inter – ha dichiarato ridendo a Sky Sport – Quando ha firmato per i nerazzurri mi ha fatto uno strano effetto perché giocava con la Juve. Ma alla fine fa un gran lavoro e dobbiamo dirgli bravo, speriamo continui così e riesca a riportare l'Inter in alto. Ho rivisto anche i nerazzurri vincere a Napoli dopo 23 anni, l'ultima volta segnai io. Ora l'Inter è una candidata per lo scudetto, vediamo anche cosa accadrà sul mercato. Ma può lottare, se non è quest'anno si può tornare campioni nelle prossime stagioni. Lottare è da Inter e ora si lotta per lo scudetto, non è facile perché la Juventus è forte ma lottare fino in fondo è il primo passo. Una cosa visibile è che i bianconeri sono di un altro livello nel campionato italiano, ma l'Inter sta iniziando ad avvicinarsi e spero vinca presto. Giroud? Mi piace molto, anche se c'è chi dice che non è bravo e non segna. Ma lui gioca, lotta per la squadra e fa tutto. Da 10 anni fa la differenza, è un attaccante importante”.

"Il gol alla Roma lo rivedo sempre"

Djorkaeff viene ricordato soprattutto per quella rovesciata alla Roma: "La rivedo sempre, prima di svegliarmi e prima di andare a letto. In due ore a Milano ho parlato già mille volte di quella rovesciata e del gol contro la Juve, che fu ancora più importante. Ai miei tempi c'erano anche Milan, Roma, Lazio e Fiorentina, si lottava fino all'ultima giornata a differenza di quanto accade ora. Questo manca al calcio italiano. Chi è come me oggi? Mi rivedevo in Hazard prima che arrivasse a Madrid, ora gioca diversamente. Ma non mi piace fare paragoni, oggi ti diverti con Neymar, Mbappé, Ronaldo e Messi mentre prima la qualità era in tutti i club. Sono felice quando mi accostano a Dybala, sa fare la differenza ma è più attaccante rispetto a me. Anche io ho protestato in occasione di una sostituzione come ha fatto lui, lo fai soprattutto quando sai di non aver giocato bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche