Juventus, De Ligt: "I miei errori? Anche io da tifoso mi sarei arrabbiato"

Serie A
Instagram Juventus

Il centrale olandese, fra i migliori contro il Parma, ha fatto autocritica: "Anche io, da tifoso, mi sarei arrabbiato davanti a certi errori che ho commesso". Poi su Chiellini: "Mi ha fatto capire che spesso è meglio giocare con la testa" e su Bonucci: "Un onore giocarci insieme". Infine sul momento di Ronaldo: "Ha zittito tutti"

NAPOLI-JUVE LIVE

Tre gare consecutive dal 1'. Normale se ti chiami Matthijs De Ligt, anche se precedentemente era rimasto in panchina contro Samp e Cagliari in Serie A e contro la Lazio in Supercoppa. Poi l'infortunio a Roma di Demiral, proprio come era successo a Chiellini in occasione della prima giornata contro il Parma. Sarri ha dunque di nuovo bisogno di lui e il centrale olandese ha risposto presente. Bene all'Olimpico quando è entrato in campo, ok anche con Udinese e Parma. Le critiche che lo hanno accompagnato nei mesi scorsi per qualche sbavatura di troppo sembrano rappresentare il passato: "E’ normale, è tutto normale - le sue parole riportate da Tuttosport - anche io, se fossi stato nei panni di un tifoso, mi sarei arrabbiato davanti ad episodi del genere. Da giocatore, però, non mi devono interessare. Devo solo pensare a lavorare e a migliorarmi. A capire se sto facendo o meno dei progressi. Di sicuro sono felice per il modo in cui i miei primi sei mesi sono trascorsi e sono convinto del fatto che partita dopo partita andrà sempre meglio".

"Chiellini mi ha aiutato"

Chi lo ha aiutato è stato Chiellini, il capitano out dalla prima giornata di campionato contro il Parma per la rottura del crociato: "Ho parlato tanto con lui. Sono impulsivo, mi ha fatto capire che spesso è meglio giocare con la testa". Preziosi pure i consigli di Bonucci, suo compagno di reparto praticamente da inizio stagione: "E' un onore per me giocarci insieme. Tutti i miei compagni mi possono insegnare tanto. Questa Juventus è un gruppo davvero stupendo e so che qui sono tutti pronti ad aiutarmi". Dalla difesa all'attacco, dove Cristiano Ronaldo sta segnando a raffica. Considerando la Nazionale sono 29 go in 30 partite stagionali per il portoghese, 11 nelle ultime sette di Serie A: "E' incredibile - ha concluso De Ligt - fino a due mesi fa era stato fortemente criticato, ma è stato capace di zittire tutti. Riprendersi da un momento non così buono e dimostrare ora di essere assolutamente sul pezzo è qualcosa di portentoso. Sono molto felice per Cristiano".

 

I più letti