Coronavirus, Ranieri: "Samp, che spavento all'inizio. Si rispettino le regole"

Serie A
©Getty

L'allenatore blucerchiato in esclusiva a La Gazzetta dello Sport: "Davanti a tutti i nostri casi di positività la prima reazione è stata di allarme, poi ho parlato con i diretti interessati e mi sono tranquillizzato". Poi sulla battaglia contro il COVID-19: "Dobbiamo comportarci da squadra. Il Governo adesso è il tecnico che ci indica cosa fare"

Prima Gabbiadini, poi Colley, Ekdal, La Gumina, Thorsby,  Bereszynski, Depaoli e non solo. Fra le squadre più colpite dal Coronavirus a livello mondiale c'è sicuramente la Sampdoria, che ha visto al suo interno molti casi di positività. I blucerchiati, sedicesimi in classifica e ad un punto di vantaggio sulla zona retrocessione, hanno vinto con il Verona nell'ultima partita disputata. Un 2-1 in rimonta importante, anche se per il ritorno in campo adesso occorrerà aspettare: "La prima reazione davanti a tutti quei casi fu di allarme - ha spiegato Claudio Ranieri in esclusiva a La Gazzetta dello Sport - mi sono spaventato. Poi però, parlando con i calciatori e sentendo che la situazione era sotto controllo, mi sono tranquillizzato". Il campionato adesso è fermo e l'Europeo è stato rinviato: "Era inevitabile e mi pare un provvedimento sensato - ha continuato - questo permetterà ai campionati nazionali di ricominciare l’attività senza fretta e nel rispetto delle norme di sicurezza. Il calendario sarà stravolto, si giocherà d’estate, ma lo faremo con il sorriso. Il calcio che riprende è un segnale della vita che torna alla normalità". 

 "Comportiamoci da squadra"

Anche Ranieri è costretto a stare in casa e ad uscire solo per lo stretto necessario: "La Settimana Enigmistica è un ottimo passatempo e un buon allenamento mentale - ha scherzato - poi la lettura dei giornali. La fisioterapia per recuperare il tono muscolare al ginocchio sinistro. E la tv per seguire gli aggiornamenti. Vedere le immagini delle bare e ascoltare i bollettini quotidiani è un enorme dolore". Serve unirsi per vincere questa battaglia. E' un po' come in una partita di calcio: "Ribadisco il concetto: dobbiamo comportarci da squadra, rispettare l’allenatore e le sue regole. Il tecnico in questo momento è il governo che dà le indicazioni: gli italiani devono applicarle. È questa la strategia per vincere la partita. Le regole sono chiare: stare a casa e usare tutte le precauzioni igieniche possibili. Vedo in tv ancora troppa gente per strada. Non va bene. L’avversario è un nemico silenzioso, subdolo. È la prima volta nelle nostre vite che ci troviamo ad affrontare una sfida come questa e per vincerla serve il contributo di tutti. Dobbiamo farlo per noi, per il prossimo e per chi è impegnato al fronte: medici, infermieri, operatori sanitari. Il modo migliore per ringraziarli è osservare le regole".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche