Coronavirus, Lukaku dona 100mila euro all'Ospedale San Raffaele di Milano

Serie A

L'attaccante belga ha donato 100mila euro all'Ospedale San Raffaele di Milano, a sostegno della battaglia contro il Coronavirus: "L'Italia ha fatto tante cose per me, voglio aiutare questo Paese". In una video intervista a BR/Football ha aggiunto: "Se le condizioni fossero tali da non garantire sulla salute, perchè dovremmo giocare? Tutta la squadra è in autoisolamento, forse saremo sottoposti a tampone quando torneremo a radunarci, ossia il 25 marzo"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI DEL 21 MARZO

Ancora un bel gesto di solidarietà e sostegno a chi in queste dure settimane sta lavorando per provare a salvare vite umane nel piano dell’emergenza Coronavirus. L’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku – così come tanti altri club, compreso quello nerazzurro, compagni di squadra e altri giocatori di Serie A e non solo – ha infatti deciso di offrire concretamente il suo sostegno a chi è impegnato in prima linea nella lotta al Covid-19: il belga infatti ha donato 100mila euro all’Ospedale San Raffale di Milano. "In questo momento delicato dobbiamo restare uniti e restare a casa. L’Italia è un Paese che incredibile che ha fatto tante cose buone per me e la mia famiglia. Per questo io voglio aiutare questo Paese e fare una donazione di 100mila euro all’ospedale di San Raffaele. Sarà molto positivo se anche voi potrete aiutare molta gente e molti ospedale. Stiamo tutti uniti", ha ammesso Lukaku in un video rilanciato su Twitter dall’Inter.

"Perchè giocare se non è garantita la salute?"

"La prima cosa per me è assicurare la salute generale. Se le condizioni fossero tali da non garantire sulla salute, perchè dovremmo giocare? Correremmo ancora il rischio di avere giocatori malati": l'attaccante dell'Inter ha anche parlato in una video intervista a B/R Football, raccontando questo periodo di isolamento domiciliare. "Tutta la squadra è in autoisolamento per vedere se qualcuno di noi accusa dei sintomi: dobbiamo misurare la febbre ogni giorno - spiega Lukaku -. Forse  saremo sottoposti a tampone quando torneremo a radunarci, il prossimo 25 marzo. Penso accadrà perchè nessuno ha mostrato sintomi legati a questo virus, anche se adesso ci sono persone positive che non hanno mostrato effetti".

Lukaku: "Sento solo ambulanze, ma non sono spaventato"

"Non direi che sono spaventato. Però è come vivere in una bolla - continua il racconto Lukaku -, cerchi di capire cosa sta succedendo e allo stesso tempo sai di essere nel Paese maggiormente colpito in Europa. In alcune città senti solo le sirene delle ambulanze che vanno avanti e indietro. Io sapevo già che era solo questione di tempo prima che qualche giocatore contraesse la malattia. Sfortunatamente è successo, adesso la lista si sta sempre più riempiendo. E' difficile perché ti manca lo sport che ami ma la salute generale è molto più importante del calcio adesso". Poi l'attaccante dell'Inter racconta come sta la sua famiglia: "Sono tutti a Bruxelles. Mia madre è andata via appena l'epidemia ha iniziato a diffondersi. Ho chiamato tutta la gente che conosco in Belgio, dicendo loro che avevo bisogno di un aereo per lei".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche