Sampdoria, Ranieri: "Ripresa? 5 cambi a partita e Serie A nell'anno solare"

Serie A

L'allenatore blucerchiato ha spiegato il suo punto di vista sulla possibile ripresa del campionato: "Bisogna essere sicuri al 100% che la situazione sia idonea per giocare. Con il Mondiale che si giocherà in inverno, sarei favorevole a giocare il prossimo campionato nell'anno solare"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Il mondo del calcio si avvicina piano piano al ritorno alla normalità. L'emergenza Coronavirus, purtroppo, non è ancora terminata ma le federazioni stanno cominciando a organizzare la ripresa degli allenamenti per i club e successivamente dei campionati, interrotti nel mese di marzo. Sull'argomento è intervenuto a Radio Anch'Io Sport Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria. il club blucerchiato è stato uno dei più colpiti in Serie A dal Covid-19, con 9 casi accertati di positività. Ranieri si è dichiarato favorevole alla ripartenza, proponendo però l'introduzione di un'interessante novità: "Se ci fanno ripartire con tutte le precauzioni del caso, va benissimo. Dovremo giocare, però, tre partite a settimana e introdurrei i 5 cambi a partita per non costringere i ragazzi ad avere uno stress fisico eccessivo, soprattutto quelli che sono stati colpiti dal Coronavirus. Basterà un mese di preparazione? Non sono un dottore e non posso dirlo, so solo che la proposta delle 5 sostituzioni mi sembra molto giusta". Ranieri si è detto anche favorevole alla possibilità di disputare il prossimo campionato nel corso dell'intero anno solare: "Con il Mondiale che si giocherà in inverno, giocando nell'anno solare come proposto da Galliani avremmo più tempo per riprendere e sperare nel frattempo che questo virus si sia indebolito o che ci siano nuove cure".

"Giusto tornare a giocare, ma sarà sempre un campionato un po' falsato"

Ranieri ha poi analizzato la situazione all'interno della propria squadra, augurandosi che il campionato possa riprendere solo quando le condizioni lo permetteranno: "Un mio giocatore risultato positivo, ha ripreso ad allenarsi leggermente una volta diventato negativo ed è ritornato positivo. Bisogna stare attenti e capire se i calciatori saranno al 100% idonei a giocare. Io faccio quello che mi dicono di fare, ma i dottori devono mettersi d'accordo su ogni aspetto e dare sicurezze ai calciatori". L'allenatore blucerchiato si è detto comunque d'accordo sull'assegnazione dei titoli sul campo, nonostante questo passerà alla storia come un campionato davvero particolare: "Penso che sia giusto che le squadre si giochino sul campo i titoli e la salvezza, anche se credo che dopo più di un mese di inattività sarà sempre un campionato un po' falsato, perchè non c'è stata la consueta regolarità". Infine, Ranieri è intervenuto sulla questione riguardante gli eventuali tagli agli stipendi dei calciatori: "L'Aic e l'Aiac credo non dovrebbero stare da fuori ma avere il diritto di lottare per tutta la categoria. I miei giocatori si sono presi il virus lavorando, ora si stanno allenando. Per chi si fa male sul lavoro cosa succede?".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche