Napoli, Maksimovic: "Pronti per la ripresa il 18 maggio. Mi manca il calcio... al bar"

Serie A

Il difensore degli azzurri ai microfoni di Sky Sport: "Seguiamo il programma individuale, il nostro centro sportivo è pronto e noi siamo fiduciosi: allenamenti dal 18 maggio, poi la Serie A. Cosa mi manca di più? Questa città, che vive di calcio anche davanti a un caffè"

CORONAVIRUS, LE NOTIZIE IN DIRETTA

La famiglia è in Serbia, lui è rimasto a Napoli "perché siamo fiduciosi che riprenderemo il campionato". Nikola Maksimovic si è raccontato così in una lunga intervista rilasciata a Sky Sport: "Fortunatamente sto bene, sono a casa e rispetto le regole", le parole del difensore classe '91. "So che è un momento difficile per tutto il mondo. E anche per il calcio, ci siamo dovuti adattare a un nuovo ambiente di allenamento". Per ora sempre individuale, principalmente tra le mura di casa. "La condizione fisica resta buona", spiega Maksimovic. "Seguo il programma che ci mandano i nostri preparatori e ci coordiniamo con loro dopo ogni allenamento".

"A Castel Volturno è tutto pronto"

Nikola però non nasconde la difficoltà di queste settimane. "Oltre alla famiglia mi manca tanto il calcio giocato, gli allenamenti e le partite vere". Qualcosa che va al di là della semplice professione: "Soprattutto in questa città, che vive solo per questo sport. Anche quando vai a prendere un caffè al bar e ti metti a parlare di tutt'altro, dall'altro tavolo ti fermano subito: 'Uagliò, allora sabato vinciamo?' Queste sono le piccole cose che mi mancano di più". Negli ultimi giorni però filtra un po' di ottimismo: "Stiamo seguendo la situazione", continua il difensore. "Sono quotidianamente in contatto con i miei compagni ma anche con i medici. Sappiamo che ci sono grandi miglioramenti e che la data prevista per la ripresa degli allenamenti di squadra è il 18 maggio. Il nostro centro sportivo è già pronto, lo siamo anche noi e abbiamo grande fiducia che alla fine si potrà riprendere il campionato. Per questo siamo rimasti tutti in città".

"Gattuso? Zitti e pedalare: dovevamo ascoltare lui"

La stagione del Napoli si era interrotta proprio quando stavano arrivando i primi frutti della nuova gestione tecnica (7 vittorie nelle ultime 9), con la squadra al sesto posto in classifica. "Dal primo giorno in cui è arrivato, Gattuso ci ha detto che siamo una grande squadra in un grande momento di difficoltà", ricorda Maksimovic. "E che avremmo dovuto ascoltare lui: zitti e pedalare. Ha avuto ragione. Con l'allenatore ho instaurato subito un ottimo rapporto, ci è bastato parlare una volta per capirci. Quello che lui mi chiedeva era semplice per un professionista come me".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche