Mertens e la chiacchierata con l'infermiere: "Sono io un tuo grande fan"

Serie A

In occasione del tampone a domicilio prescritto dal Napoli, l'attaccante belga si è intrattenuto con un operatore sanitario: "Mi ha detto che la difficoltà più grande è non poter abbracciare i figli a casa al ritorno dall'ospedale. Lo ammiro, aiutiamo tutti a raccogliere le mascherine", ha riferito a Studio Brussel

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Ultimo step prima di tornare a Castel Volturno: due tamponi obbligatori a domicilio, tra martedì e giovedì, per tutti i giocatori del Napoli. Ma a casa di Dries Mertens il test è stato arricchito da un piccolo extra: "Quando l'infermiere è venuto alla mia porta si è divertito un po' nel vedermi di persona", ha raccontato l'attaccante belga alla radio locale Studio Brussel. "Sua figlia è una grande tifosa del Napoli, così ci è scappato qualche sorriso. Ma gli ho detto che sono io il suo fan, rispetto molto il suo lavoro". Poi Mertens gli fa una domanda: "Qual è stata la cosa più difficile che hai dovuto affrontare in questo periodo? Non poter riabbracciare i figli al ritorno a casa, mi ha risposto lui. Lavorando in ospedale non è possibile. Ho trovato che sia una storia molto triste. Quindi diamo tutti una mano", l'appello di Dries. "Aiutiamo nella raccolta delle mascherine di protezione e speriamo che questa situazione finisca il prima possibile".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche