Milan, Rebic è diventato titolare con i gol dalla panchina

Serie A
Manuele Baiocchini

Manuele Baiocchini

©Getty

Il croato è diventato un titolare inamovibile del Milan di Pioli, che alla ripresa del campionato non potrà contare su Ibra. E la notizia del nuovo ko di Duarte priva i rossoneri di una riserva cha avrebbe potuto rappresentare una importante alternativa in difesa, vista la frequenza con cui si scenderà in campo

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Ha sfruttato talmente bene le chance che gli sono state concesse da subentrante che per Pioli ora è titolare inamovibile. Ante Rebic si è preso il Milan partendo proprio dalla panchina. Lo ha fatto nel modo più inaspettato perché erano in tanti a pensare che potesse essere l'ennesima meteora milanista. E invece, quando la sua squadra era sotto a San Siro contro l'Udinese, il croato è stato buttato dentro dopo l'intervallo e grazie alla sua doppietta ha regalato la vittoria e 3 punti fondamentali al Milan in un momento complicato della stagione. Si è ripetuto qualche giorno dopo contro il Brescia, entrando ancora dalla panchina e sbloccando una partita che sembrava incanalata verso il pareggio. In quel momento ha trasformato il suo status da panchinaro fisso a elemento prezioso, in grado di segnare 7 gol in 9 partite tra campionato e coppa Italia. Quello alla Juve in particolare tiene vive le speranze rossonere per poter raggiungere la finale di Roma del 17 giugno.

 

Un esempio per tutti quelli che devono ribaltare le gerarchie e proveranno a farlo entrando dalla panchina. Leao, già 11 volte senza mai risultare decisivo. Bonaventura, 8 volte e sempre pericoloso sotto porta con la media di un tiro ogni 25 minuti di gioco. Ma anche Calabria e Gabbia saranno dei titolari aggiunti considerando che Conti non potrà giocare ogni 3 giorni per via della doppia operazione al ginocchio e che Duarte è di nuovo ko: la lesione al flessore potrebbe costringerlo ad altre 3 / 4 settimane di stop. Aveva appena riassaporato la possibilità di tornare in campo ma rischia di dover saltare anche gran parte del finale di questa stagione, per lui, maledetta.

SERIE A: SCELTI PER TE