Bologna-Juventus, Mihajlovic: "Loro arrabbiati, noi fatto ciò che dovevamo"

Serie A

L'allenatore del Bologna commenta la sconfitta contro la Juve: "Difficile che sbagliassero la terza partita, ma noi abbiamo fatto ciò che dovevamo". Un Mihajlovic che sembra più sereno: "Quando ti capitano certe cose diventi più riflessivo, ma quando mi arrabbio..."

LA JUVE PASSA 2-0 A BOLOGNA: GOL E HIGHLIGHTS

E' un Sinisa MIhajlovic sereno quello che commenta la sconfitta casalinga del suo Bologna contro la Juve: "E' stata equilibrata, sapevamo che la Juve sarebbe venuta arrabbiata e sapevamo che era impossibile che sbagliassero la terza partita di fila - spiega - Quando stavamo per venire fuori noi abbiamo preso gol su rigore, poi negli ultimi 20’ quando loro erano stanchi non siamo riusciti a incidere, ma i ragazzi hanno fatto la gara che dovevano". Ed ancora: "Manca un po’ di qualità e un po’ di coraggio sulle uscite dal basso, ma noi dobbiamo fare quello che proviamo in allenamento, poi si può sbagliare ma l’importante è mettere in pratica la nostra idea di calcio".

"Bologna offensivo? E' la mia mentalità"

Mihajlovic ha cambiato mentalità a un Bologna che affronta a viso aperto tutti gli avversari: "E’ la mia mentalità, anche quando incontriamo squadre più forti sappiamo che possiamo perdere però con questa mentalità quando incontriamo le squadre del nostro livello gli passiamo sopra - dice ancora l'allenatore - Anche se difendessimo a oltranza, contro le squadre di questo livello prima o poi il gol lo prendi". Sull'assenza di Palacio dall'undici titolare: "Palacio? Non era pronto, ci sono 11 partite c’è tempo per tutti, quando giocano è importante che siano determinanti".

"Paura? Sentimento positivo, ma poi devi vincerla"

Sinisa torna a parlare anche della malattia e di ciò che ha provato nei momenti più difficili: "Penso che aver paura è un sentimento positivo, poi devi essere più forte e vincerla e andare oltre. Questo è il mio modo di pensare, di vivere e di affrontare le difficoltà che ho avuto nella vita. Quando ti capita una disgrazia non devi buttarti giù ma devi cercare di affrontarla e di vincerla dal punto di vista fisico e mentale. Quanto alla mia malattia è merito dei dottori per quello che hanno fatto, ma mi ha aiutato molto sia la condizione fisica che la mia testa, la voglia di vivere e di lottare".

"Ora sono più riflessivo ma quando mi arrabbio..."

Un percorso che forse ha un po' cambiato il carattere di Mihajlovic: "Devo dire che con la malattia ho imparato ad avere più pazienza, non era un mio pregio, mi godo più la vita, più le cose normali e semplici di cui non mi accorgevo. Quando ti capitano cose del genere diventi più riflessivo, cambi il tuo rapporto con il mondo esterno, con la famiglia, con i giocatori, ma ci sono i momenti in cui ti arrabbi e io vivo tutte le cose al massimo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche