Bologna Sassuolo, Mihajlovic: "Juwara? Bella storia di vita, ma non roviniamolo subito"

bologna

L'allenatore rossoblù: "Se non battiamo il Sassuolo, la vittoria contro l'Inter non sarà compLeta". Su Juwara: "Non facciamolo subito diventare un fenomeno rischiando di rovinarlo, la sua è una bella storia di vita ma con il calcio ha appena iniziato"

BOLOGNA-SASSUOLO LIVE

Ottenere i tre punti nel prossimo turno di campionato per non "sprecare" l’impresa di San Siro contro l’Inter. "Se non vinciamo in casa col Sassuolo la vittoria a Milano non sarà completa. Sarà stata bella e rimane come una vittoria importante, ma per dargli ulteriore risalto bisogna fare un’altra vittoria che può farci fare un salto di qualità", parla così Sinisa Mihajlovic in vista della sfida tra Bologna e Sassuolo in programma mercoledì alle ore 21.45 (Sky Sport 254). "L'importante è che questa volta la mia squadra giochi da subito e non dopo i primi venticinque minuti che a San Siro, come detto, hanno fatto schifo. Quando giochiamo e crediamo in noi stessi possiamo vincere contro chiunque: se i ragazzi stanno connessi i risultati arrivano. Il Sassuolo è un’ottima squadra, che gioca molto bene, sarà una gara difficile per tutte e due le squadra", ha aggiunto l’allenatore serbo.

"Juwara? Non facciamolo subito diventare un fenomeno"

approfondimento

Dallo sbarco al gol all'Inter: ecco chi è Juwara

Protagonista del successo contro l’Inter per 2-1 è stato il 18enne Musa Juwara che a San Siro ha realizzato la sua prima rete in Serie A. Mihajlovic però predica calma nei confronti de ragazzo: "Ha fatto un gol e cinque gare in A e subito vogliono farlo diventare fenomeno. Piano, andiamoci tutti piano: è una bella storia di vita ma non è ancora una storia di calcio. È appena cominciata, volete farli diventare fenomeni dopo un gol rischiando di rovinare i ragazzi. Lui deve stare coi piedi per terra, continuare a far vedere il motivo per cui sta con la prima squadra, è molto giovane e deve crescere molto. Ma sono contento perché è un bravo ragazzo. Io non guardo se un giocatore ha 18 anni o 30, io guardo se uno è bravo o no", ha concluso l’allenatore del Bologna.

SERIE A: SCELTI PER TE