Gasperini dopo Juve-Atalanta: "Solo in Italia questa interpretazione sui falli di mano"

Serie A
©LaPresse

 

Il tecnico dei bergamaschi analizza il pareggio in casa dei bianconeri: "Mai come questa sera avremmo meritato di vincere ma a volte nel calcio la prestazione non basta". Poi Gasperini ritorna sul rigore assegnato alla Juventus per il fallo di mano di De Roon che ha fissato il risultato sul 2-2: "Il regolamento è questo in Italia. Deve cambiarne l'interpretazione, per me è un'eresia"

JUVENTUS-ATALANTA 2-2: GOL E HIGHLIGHTS

 

"Il primo rigore era nettissimo... Il regolamento è questo in Italia, per me è un'eresia. Oggi ci è capitata contro e fine. C'è un'interpretazione uguale in un altro campionato? No. Cosa facciamo, gli tagliamo le braccia? Le braccia dietro la schiena si mettono ai bambini per farli imparare a dribblare... Deve cambiare l'interpretazione del regolamento". Così l'allenatore dell'Atalanta, Gian Piero Gasperini, dopo il pareggio con la Juventus per 2-2 allo Stadium arrivato nel finale per effetto del rigore concesso sul fallo di mani di De Roon, poi trasformato da Cristiano Ronaldo. "Abbiamo fatto molto bene - aggiunge ai microfoni di Dazn - al cospetto di una grande squadra, prima in classifica. Io esco da questa partita molto contento della prestazione, anche se c'erano tutte le condizioni per vincere questa gara e c'è il rammarico perché ci eravamo vicini fino al 90'".  

 

"Champions il nostro vero obiettivo"

Gasp, che ha sfiorato la decima vittoria consecutiva, prova comunque a vedere il bicchiere mezzo pieno: "Avevo chiesto ai ragazzi di interpretare la gara anche in ottica Champions, perché lì troveremo squadre di questo livello. Volevo anche capire se tenendo in campo Zapata, il Papu e Ilicic insieme saremmo stati in grado di sopportare questa forza d'urto, ci siamo riusciti". Con la vittoria l'Atalanta sarebbe andata a -6 dalla Juve: "Per noi - conclude Gasperini -  il risultato insperabile era di arrivare alla Champions per il secondo anno di fila, ci mancano 5 punti. È già un grande traguardo questo. E poi la Juventus anche a -6 non avrebbe potuto perdere lo scudetto". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche