Inter-Napoli, riecco Lautaro: gran gol ed esultanza polemica. IL VIDEO

inter

L'argentino non segnava da cinque turni e contro il Napoli era partito dalla panchina. Post lockdown solo due reti e una media di un gol ogni 346 minuti, decisamente inferiore a quella della prima parte del campionato. Per lui mezz'ora, un gran gol e un'esultanza rabbiosa

Ricezione, controllo di palla, resistenza fisica da chi ha in "toro" un soprannome non certo casuale. Poi un gran destro all'angolino e quell'esultanza un po' polemica. Ma per l'Inter l'aspetto fondamentale - a novanta minuti dalla fine del campionato ma soprattutto in ottica rush finale di Europa League - è aver ritrovato una rete da parte dell'argentino. Undici gol in Serie A in ventidue partite pre lockdown, uno ogni 152 minuti e ben diciassette in stagione. L'affinità con Lukaku e una verve calata dalla ripresa del campionato, come confermavano i numeri: prima del match contro il Napoli (un gol nella mezz'ora a disposizione) il rapporto minuti-gol era infatti salito a una rete ogni 346'. Gli unici timbri contro la Samp nel recupero della 25^ giornata e contro il Torino, cinque turni fa. Alla gioia contro il Napoli si è allora mischiata anche un po' di rabbia, dopo il recente stato di forma non ottimale e le tante voci in chiave mercato che l'hanno visto protagonista.

La partita di Lautaro

INTER

Marotta: "Messi un gioco, dovrebbe cambiare tutto"

Dopo tre sfide affrontate da titolare nelle ultime quattro (ma senza gol), Lautaro era partito dalla panchina contro il Napoli: dal 1' Lukaku più Sanchez, lui invece in grandissima forma nel periodo più recente di calcio. Poi l'ingresso in campo al sessantesimo e una rete di fondamentale importanza per chiudere i conti. Un tiro, un gol, undici tocchi e tre passaggi completati su tre. Per il "toro" ennesima rete da fuori area, la quarta in questa stagione: l'ultimo giocatore dell'Inter ad aver fatto di meglio era stato Ibrahimovic (con 6 nel 2008-09). E soprattutto terzo gol al Napoli in quattro sfide di A, che ne fanno uno dei suoi bersagli preferiti, colpito inoltre (come con Cagliari e Torino) sia all'andata che al ritorno.