Milan, Pioli: "Ibrahimovic determinante, qui è felice e sta bene"

Serie A
©LaPresse

L'allenatore del Milan dopo il 4-1 sul campo della Sampdoria: "Partita difficilissima, vincere era fondamentale. Questo è sempre di più il mio Milan. Ibra determinante per la nostra crescita, lui è contento e sta bene qui, lo dimostra con tutto quello che fa. Dopo domenica concederò tre settimane di riposo a tutto il gruppo"

CLACIOMERCATO LIVE, LE NEWS E LE TRATTATIVE

"La cosa importante era giocare bene stasera e vincere. Era una partita difficilissima, il clima così sereno in casa Sampdoria ci ha tolto un pò di determinazione. Questo è sempre di più il mio Milan, siamo squadra e lo siamo diventati per vari fattori". Stefano Pioli festeggia così il successo per 4-1 sui blucerchiati, undicesimo risultato utile di fila dal ritorno in campo post lockdown. "Siamo squadra e ora abbiamo quella fiducia che i risultati positivi e con squadre forti hanno alimentato" spiega Pioli.

"Ibra determinante"

leggi anche

Ibra show, 2 gol e un assist: Samp-Milan 1-4

E poi Ibrahimovic, che Pioli "coccola" sottolineandone il ruolo decisivo, dentro e fuori dal campo, nella speranza di poterlo avere in rossonero anche nella prossima stagione: "Zlatan è stato determinante per la nostra crescita, la sua condizione sta migliorando e sta diventando sempre più determinante. Mi auguro ci siano tutte le condizioni per andare avanti, poi sul discorso economico io non posso fare molto: lui è contento e sta bene qui, lo dimostra con tutto quello che fa".

"Mercato? Non credo servano tantissimi interventi"

leggi anche

Ibra: "Sono come Benjamin Button"

Ibrahimovic fa parte delle strategie di mercato rossonere: "Credo che la società stia giustamente puntando sulla continuità - è il commento di Pioli - qualche miglioria si può fare ma non credo che abbiamo bisogno di tantissimi interventi".

Sulla sostituzione di Rebic

L'allenatore rossonero ha anche commentato la sostituzione di Rebic all'intervallo dopo un giallo rimediato in un acceso confronto con Ramirez.  "Rebic sabato sarà squalificato e in questo momento era giusto dare minutaggio a Leao. Eravamo padroni del campo e la partita lo permetteva. Rimettere tutto in discussione perché prendi una seconda ammonizione sarebbe stato un errore". Idee chiare anche sul futuro: "Dopo domenica concederò tre settimane di riposo ai giocatori. Siamo arrivati a questo punto affaticati a livello fisico e mentale, non giocare i preliminari di Europa League ci consentirebbe di evitare di giocare sei partite nei primi 25 giorni della nuova stagione. Sarebbe un inizio faticoso ma ho tanti ragazzi giovani e con la giusta mentalità. Hanno solo bisogno di giocare e non sono preoccupato della possibilità di giocare più partite in una settimana".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche