Atalanta-Inter 0-2, gol di D'Ambrosio e Young. Conte chiude al 2° posto

©Ansa

Va alla squadra di Conte lo scontro diretto al Gewiss Stadium, 2-0 ai danni dei bergamaschi che vale il 2° posto al traguardo. La sblocca D'Ambrosio di testa dopo una manciata di secondi, splendido il raddoppio di Young al 20'. Aspettando il Psg in Champions, Gasperini cade dopo 17 gare utili ma termina in 3^ posizione (ko della Lazio a Napoli). Inter alle spalle della Juve e prossima al Getafe in Europa League

VIDEO. LO SFOGO DI CONTE A FINE PARTITA

ATALANTA-INTER 0-2 (Highlights)

1' D'Ambrosio, 20' Young


ATALANTA (3-4-2-1):
Gollini (5' Sportiello); Toloi, Caldara, Djimsiti; Castagne (61' Hateboer), De Roon, Freuler (61' Malinovskyi), Gosens; Gomez (91' Da Riva), Pasalic (61' Muriel); Zapata. All. Gasperini

 

INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Bastoni (77' Skriniar); D'Ambrosio (77' Biraghi), Gagliardini, Brozovic, Barella (90' Eriksen), Young (90' Moses); Lukaku, Lautaro Martinez (71' Sanchez). All. Conte


Ammoniti: De Vrij (I), Djimsiti (A), Toloi (A), Brozovic (I), Handanovic (I)


Il 2° posto è dell’Inter al traguardo del campionato, merito del 2-0 ottenuto sul campo dell'Atalanta nello scontro diretto. Al Gewiss Stadium la spunta Conte, tutt’ora imbattuto da allenatore contro i bergamaschi: sono 82 i punti conquistati alla prima stagione dalla sua squadra, bottino che eguaglia il rendimento di Mourinho nella stagione 2009/10 e che nelle annate precedenti aveva riservato lo scudetto. Titolo già conquistato dalla Juventus, ma il bilancio dell’Inter anche in trasferta (13 vittorie come il Napoli tra il 2017 e il 2018) testimonia un ottimo lavoro e anticipa il nuovo torneo. Testa al Getafe in Europa League per Conte, esame Psg in Champions invece per l'Atalanta che chiude in 3^ posizione complice il ko della Lazio a Napoli: un’altra stagione da applausi per la Dea tra gol segnali (98 in campionato) e nuovi record della società, attestati di una realtà sempre più esaltante del calcio italiano.

La cronaca della gara

Privo di Palomino e Ilicic, Gasperini ritocca il suo 3-4-2-1 con gli innesti di Caldara e Pasalic (preferito a Malinovskyi). Intoccabili Gomez e Zapata, c’è Castagne sulla destra a discapito di Gosens. Conte risponde con il 3-5-2 privo del trequartista (panchina per Eriksen) ma rilancia la coppia Lautaro-Lukaku. D’Ambrosio e Young sulle fasce, Brozovic gioca a centrocampo mentre in difesa spazio a Godin e non a Skriniar. Pronti-via e l’Inter parte fortissimo: dopo 20 secondi l’affondo di Lautaro vale un corner, battuta che propizia il colpo di testa dell’indisturbato D’Ambrosio complice l’uscita rivedibile di Gollini (infortunato nello scontro con Gosens). In 50 secondi la squadra di Conte sblocca il match e mantiene il controllo, organizzazione e intensità che valgono il bis al 20’: splendido il gol di Young, bravo a convergere dalla sinistra e a indovinare il destro a giro che supera Sportiello. Le notizie dal San Paolo (1-1 all’intervallo) alimentano la reazione della Dea, priva però di nitide chance da rete.


Copione che si ripete in avvio di ripresa: Barella ci prova dalla distanza, Gomez si mette in proprio e impegna Handanovic mentre la Dea si riappropria del 3° posto dopo il vantaggio del Napoli. Gasperini prova a rientrare nel match coi cambi: spazio a Muriel, Malinovskyi e Hateboer, ma a spingere è ancora l’Inter con la botta dell’ex Gagliardini. Lukaku chiuso sul più bello, il neoentrato Sanchez si vede invece annullare il tris per fuorigioco. Solo nel finale riemerge l’Atalanta con Gosens (tocco fuori di un niente) e Zapata, due volte al tiro senza fortuna. Una sconfitta che non pregiudica il 3° posto al traguardo per una squadra che continua a stupire.

1 nuovo post
L’Inter è la seconda squadra di sempre ad arrivare a 13 successi esterni in un singolo campionato in Serie A senza terminare il torneo in prima posizione (dopo il Napoli nel 2016/17 e 2017/18)
- di luca.cassia
L’Inter ha chiuso il campionato con 82 punti in classifica, eguagliando la stagione 2009/10 con José Mourinho alla guida. in tutte le quattro precedenti stagioni, nell’era dei tre punti a vittoria, in cui i nerazzurri avevano guadagnato almeno 79 punti in Serie A avevano sempre vinto lo scudetto (2006/07, 2007/08, 2008/09, 2009/10)
- di luca.cassia
L'ultima volta che l'Atalanta ha chiuso una partita senza segnare è stata nel novembre 2019
- di luca.cassia
FINISCE QUI! INTER AL 2° POSTO, ATALANTA BATTUTA 2-0!
BERGAMASCHI CERTI DELLA 3^ POSIZIONE DOPO IL KO DELLA LAZIO A NAPOLI!
- di luca.cassia
94' - Malinovskyi dalla distanza, pallone fuori!
- di luca.cassia
92' - C'è il 3-1 del Napoli sulla Lazio con Politano, 3° posto al sicuro per l'Atalanta
- di luca.cassia
Cambio!
91' - Fuori Gomez e dentro Da Riva nell'Atalanta
- di luca.cassia
90' - Quattro minuti di recupero
- di luca.cassia
Cambio!
90' - Dentro Eriksen e Moses per Barella e Young
- di luca.cassia
89' - Ancora Zapata! Magia nello stretto e destro con la punta, pallone alto!
- di luca.cassia
89' - Dall'altra parte Young, destro centrale bloccato da Sportiello!
- di luca.cassia
88' - Zapata! Invito di Malinovskyi e sinistro di prima intenzione sporcato da Skriniar!
- di luca.cassia
86' - Lukaku alto! Iniziativa personale del belga che si crea l'opportunità per il tiro, mancino fuori misura!
- di luca.cassia
83' - Gosens! A centimetri dal gol del 2-1 il tedesco servito da Muriel, tocco fuori di un niente!
- di luca.cassia
81' - Annullato il tris dell'Inter! Sanchez solo dinanzi a Sportiello lo supera e insacca, ma c'era una posizione di fuorigioco in partenza!
- di luca.cassia
79' - Lukaku chiuso sul più bello da Djimsiti!
- di luca.cassia

Inter, inaugurata la maglia da trasferta per il 2020-2021. FOTO

Le immagini nel corso della sfida del Gewiss Stadium
- di luca.cassia
Cambio!
77' - Spazio a Skriniar e Biraghi per Bastoni e D'Ambrosio
- di luca.cassia
76' - Partita che scivola verso il finale senza una reazione consistente della squadra di Gasperini: Godin sbaglia in area l'assist per il più facile dei tap-in a Lukaku
- di luca.cassia
71' - Altro cooling break al Gewiss Stadium
- di luca.cassia

SERIE A: SCELTI PER TE