Sassuolo, Locatelli: "Bisogna sognare in grande e puntare all'Europa"

Serie A
©Getty

Parla il centrocampista del Sassuolo: "Questi risultati sono motivo d'orgoglio per tutta la città, ma dobbiamo restare umili. Però non ci nascondiamo: bisogna sognare in grande e puntare all'Europa. Il Sassuolo ha creduto in me e sono cresciuto grazie a De Zerbi e all'equilibrio che ho trovato. La Nazionale va conquistata e riconquistata domenica dopo domenica"

SASSUOLO-TORINO LIVE

Manuel Locatelli è tra i protagonisti del grande inizio di stagione del Sassuolo. La squadra di De Zerbi ha chiuso alla grande lo scorso campionato e si sta ripetendo quest'anno, con 10 punti raccolti in 4 partite e un secondo posto a -2 dalla capolista Atalanta. Locatelli resta umile, ma sogna in grande: "Essere in questa posizione è motivo d'orgoglio per tutta la città, ma dobbiamo restare con i piedi per terra – le sue parole del centrocampista a Sky Sport - Per la squadra che abbiamo non dobbiamo tirarci indietro: il primo obiettivo è sicuramente la salvezza, ma dobbiamo sognare più in grande e puntare all'Europa. Il merito di questi risultati è sicuramente di tutto il gruppo, perché lavoriamo insieme da tre anni e il segreto è che siamo diventati ancora più squadra. Sappiamo tutti cosa dobbiamo fare, De Zerbi è con noi e lo seguiamo, c'è grandissima disponibilità. Abbiamo il nostro credo che è quello di tenere sempre palla e di finalizzare il possesso andando in porta, non forzando le giocate e aggredendo subito quando perdiamo la palla".

"Il Sassuolo ha creduto in me, ho ritrovato il giusto equilibrio"

approfondimento

Sassuolo sogna con Caputo-Berardi: duo da record

Locatelli è cresciuto tantissimo grazie a De Zerbi, arrivato fino in Nazionale: "Il Sassuolo ha dimostrato di credere in me dopo che alcuni non lo avevano fatto – prosegue - Sono più completo, tutto questo grazie al lavoro svolto ogni giorno con i miei compagni e con De Zerbi e a tutta la fiducia che mi è stata data. Il segreto è nell'equilibrio che ho trovato dentro di me. Mi trovo bene giocando a due ma anche a fare la mezzala, non è il ruolo ma l'interpretazione che mi caratterizza Sicuramente dovrei fare più gol, questo è chiaro ed è uno degli obiettivi di quest'anno. La Nazionale non la regalano, va conquistata ogni domenica e poi va riconquistata. È un motivo d'orgoglio avere altri due compagni con me, anche lì vogliamo tenere la palla e c'è un gruppo unito, che porta avanti le stesse idee".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche