Atalanta, come influisce la Champions sul rendimento in campionato. L'analisi

Serie A
Massimiliano Nebuloni

Massimiliano Nebuloni

Ottenuto il pass per gli ottavi di Champions, l'Atalanta è tornata a concentrarsi unicamente sul campionato, segnando più di tutti e riproponendo il suo calcio spettacolare. Numeri con cui punta a migliorare i suoi record al termine del girone d'andata

BENEVENTO-ATALANTA LIVE

Che la Champions e le coppe in generale logorino chi le gioca si sapeva, ma la versione compressa di quest'anno (causa Covid) ha estremizzato il concetto. E il rendimento dell'Atalanta in campionato fotografa chiaramente quanto abbia inciso l'Europa sul cammino dei bergamaschi in serie A.

18 gol in 6 giornate

approfondimento

Gol+assist dei difensori: Gosens il migliore in A

Anche dopo il passaggio agli ottavi l'Atalanta ha continuato a giocare ogni tre giorni, ma gli impegni di Champions hanno un peso psicologico diverso, molto diverso, che rallenta corazzate da sempre abituate a cimentarsi su due fronti. Figurarsi chi la gioca da sole due stagioni.
Fatto sta che scendendo in campo più libera mentalmente, la squadra di Gasperini è tornata a esprimere il suo calcio migliore e a segnare più di tutti (18 gol nelle ultime 6 giornate e sesta vittoria in campionato con almeno 3 reti di scarto).
Solo la Roma (che però giocava l'Europa League) e l'Inter (che dalla Champions è già stata eliminata) hanno fatto un punto in più dei bergamaschi da quando le coppe sono in letargo.

Una Dea sempre più bella

Ma ora che l'Atalanta è tornata a volare, proverà a battere se stessa: due anni fa chiuse l'andata con 28 punti (gli stessi di oggi al netto del recupero di Udine); l'anno scorso girò a 35. E in entrambi in casi mise il turbo nel ritorno facendo più punti di tutti, dalla Juve in giù.  La scalata Champions, a Bergamo, si conquista così.