Italiano dopo Fiorentina-Spezia: "Primo tempo ottimo, ma occasioni non sfruttate"

Serie A

Il rammarico dell'allenatore bianconero per la buona prestazione che però non ha portato punti: "Ci è mancata la forza di fargli male, dobbiamo crescere per limitare questi alti e bassi". E su un possibile cambio di atteggiamento: "Siamo venuti da neopromossi a fare la partita a Firenze, questa è la strada da seguire"

SPEZIA-PARMA LIVE - FIORENTINA-SPEZIA 3-0, GOL E HIGHLIGHTS

Grande rammarico per Vincenzo Italiano, che vede il proprio Spezia fermarsi dopo due vittorie consecutive e perdere 3-0 sul campo della Fiorentina. Risultato maturato nella ripresa, dopo un primo tempo nel quale i bianconeri si erano sicuramente fatti preferire ai padroni di casa. Una prima frazione conclusa sullo 0-0 che non va giù all'allenatore bianconero, intervenuto nel post partita ai microfoni di Sky Sport: "Penso che il primo tempo sia stato giocato benissimo da noi, ma se lasci vive squadre così forti, che individualmente hanno qualcosa in più di noi, va a finire che perdi. Ci è mancata la forza di far male, essere pungenti e concreti, ora bisogna ripartire. Quest'anno abbiamo avuto tanti alti e bassi, per me oggi abbiamo giocato bene anche se il risultato non è all'altezza. Sappiamo chi siamo, non eravamo fenomeni in precedenza, ora non ci dobbiamo abbattere".

"Venuti a Firenze a fare la partita, questa è la strada"

leggi anche

Prandelli: "Cambi azzeccati, Vlahovic un talento"

Italiano che ha visto una continuità tra l'ottima prestazione fornita contro il Milan e quella di questa sera contro la Fiorentina: "Il primo tempo dice che siamo partiti come abbiamo finito col Milan, mettendo sotto la Fiorentina. Oggi li abbiamo tenuti vivi e hanno trovato un guizzo con cui sono andati a segnare il primo gol. Cercheremo di lavorare per rimuovere questi alti e bassi, stiamo maturando anche per evitare questo". Un percorso che non vedrà però lo Spezia snaturare il proprio stile di gioco: "Oggi ho visto una squadra che ha giocato e proposto, perde anche chi ha un atteggiamento diverso dal nostro. Vedere una neopromossa che viene a Firenze a fare la partita è un merito. Questa è la strada, che ci sta dando frutti. Se poi gli avversari sono più bravi, ci adeguiamo".