Pirlo: "Dybala salta Juventus-Crotone. Derby Milano? Spero finisca pari"

JUVENTUS

L'allenatore bianconero alla vigilia della sfida col Crotone: "Buffon gioca, Ramsey c'è. Dybala ancora fuori, non riesce a migliorare. Morata e Kulusevski stanno meglio. Arthur assenza pesante, McKennie deve stringere i denti". E sul derby: "Lo guardo e tifo per un pareggio, è il risultato migliore per noi"

JUVE-CROTONE LIVE

Dopo la sconfitta al Maradona contro il Napoli e quella subita in Champions League in casa del Porto, la Juventus proverà a riscattarsi nella sfida dell'Allianz Stadium contro il Crotone. Un impegno importante per i bianconeri, che vogliono rilanciarsi in campionato. Andrea Pirlo ha parlato dalla formazione e degli infortuni che, inevitabilmente, condizioneranno le sue scelte anche questa volta: "In porta giocherà Buffon, Ramsey è disponibile e vedremo se farlo giocare dall'inizio e in quale posizione. Dybala non è ancora disponibile, purtroppo le cose invece di migliorare rimangono uguali e bisogna ancora aspettare. Morata sta meglio, ha avuto un virus intestinale che lo aveva tenuto lontano dal 100% per un po' di giorni. Speriamo possa essere a disposizione per almeno una parte di gara", ha dichiarato l'allenatore bianconero in conferenza stampa.

"Arthur assenza importante, McKennie deve stringere i denti"

Qualche problema anche a centrocampo: "Arthur va valutato giorno dopo giorno, ha questo problema che non può avere tempi di recupero effettivi - prosegue Pirlo - Ha dolore, finché non gli passa non può scendere in campo, bisogna sperare che con queste cure possa rientrare presto. La sua assenza si sente perché è l'unico centrocampista con caratteristiche diverse. Possiamo trovare più soluzioni con Ramsey, Bentancur, Fagioli, sono giocatori con caratteristiche che possono adattarsi al nostro gioco, magari non come Arthur ma in maniera diversa. A seconda delle partite, cercheremo di trovare la giusta soluzione. McKennie sta convivendo con un dolore, ma è una roccia e deve stringere i denti perché siamo contati. Kulusevski? Anche lui non stava benissimo, ha avuto un forte raffreddore ma ora sta meglio. Con il Porto ha fatto fatica a trovare la posizione, gli ho chiesto se avesse rivisto la partita e lui mi ha risposto di non aver avuto l'energia giusta e mi ha confermato la fatica fatta nel trovare gli spazi giusti. Ma ha 20 anni, avrà sicuramente tempo per rifarsi".

"Derby? Lo guardo e tifo per un pareggio"

leggi anche

Nessuna lesione per Chiellini: fuori 10-15 giorni

Pirlo affronterà il Crotone già sapendo il risultato del derby: "Finisco la conferenza e corro a vederlo. È una partita bella e importante, siamo in lotta con loro per arrivare fino in fondo. Se capita un pareggio meglio per noi. Inter? Non so se sia più attrezzata, chi lotta per lo scudetto sicuramente ha una squadra forte. Il vantaggio che hanno loro è che non giocano più le coppe. Questa con il Crotone è una sfida importante per continuare la nostra lotta per lo scudetto. Sappiamo che sarà difficile, nonostante i risultati loro giocano molto bene e hanno sempre fatto vedere cose interessanti".

"Non sono preoccupato, è una stagione difficile"

Due sconfitte consecutive e tanti problemi legati alle assenze, Pirlo però si dice tranquillo: "Non sono preoccupato, venivamo da 11 vittorie in 13 partite ed era normale che prima o poi ci sarebbe stata una battuta d'arresto. Purtroppo c'è stata in un momento decisivo ed è stata causata dalle tante partite ravvicinate, è difficile fare 15 gare in 40 giorni. È normale ci siano tanti infortuni, a volte c'è anche poca lucidità. Ma sapevamo già prima che sarebbe stata una stagione particolare, ora siamo qua e dobbiamo lottare per raggiungere i nostri obiettivi".

"Agnelli non è intervenuto, sapevamo di aver fatto male col Porto"

Nessun richiamo neanche da parte della società dopo la doppia sconfitta contro Napoli e Porto: "Con Agnelli ci parliamo ogni giorno e col Porto era con noi, quindi abbiamo parlato subito dopo la partita. Non è intervenuto in settimana, sapevamo di aver fatto una brutta partita e quindi non serviva un suo scossone. Sapevamo di non aver fatto una prestazione da Juventus, da questo bisogna ripartire. A Napoli non abbiamo fatto una brutta partita, abbiamo subito un gol senza prendere un tiro in porta, mentre col Porto dovevamo fare di più. Ho alzato la voce già a fine primo tempo, non mi è piaciuto l'inizio di gara e non abbiamo reagito dopo l'errore dell'1-0. Abbiamo avuto poi 10 secondi di blackout che hanno causato il secondo gol, abbiamo rivisto l'episodio e bisogna migliorare. Non c'è bisogno d'intervenire quando si sa di aver fatto male, ma quando si pensa erroneamente di aver fatto bene quando invece non è così".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.