Juventus-Crotone, Pirlo: "Contava solo vincere. Noi anti Inter? Siamo una delle rivali"

JUVENTUS

Le parole dell'allenatore bianconero dopo la vittoria sul Crotone: "Inizialmente eravamo nervosi, forse anche a causa delle due sconfitte. Ma i gol ci hanno tranquillizzato, era importante solo fare i tre punti. Col Verona dovremo inventarci qualcosa in difesa"

JUVENTUS-CROTONE 3-0, GOL E HIGHLIGHTS

La Juventus riparte e torna alla vittoria dopo gli ultimi due ko consecutivi, quelli contro il Napoli in campionato e il Porto nell’andata degli ottavi di finale di Champions League. Un successo importante per i bianconeri, che nel Monday night della 23^ giornata di Serie A superano il Crotone grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo e al gol di McKennie e si portano al terzo posto solitario in classifica, con una gara (contro il Napoli) ancora da recuperare. Soddisfatto per il risultato a fine gara Andrea Pirlo, intervenuto ai microfoni di Sky Sport: "Eravamo partiti un po' nervosi - ha ammesso l'allenatore della Juve -, forse le ultime due sconfitte ci avevano tolto un po' di lucidità. I gol poi ci hanno agevolato e ci hanno dato tranquillità, il resto lo abbiamo gestito bene. Non abbiamo iniziato bene, ma oggi l'importante era fare i tre punti. I gol sono arrivati su situazioni che avevamo preparato". Sempre attuale, in casa bianconera, la questione infortuni soprattutto in difesa, dove sono out Chiellini e Bonucci: "Non so ancora se recupererò qualcuno per il ritorno con il Porto - ha proseguito Pirlo -, ora abbiamo la partita di sabato a Verona che è molto difficile, ci viene a mancare un altro difensore che è Danilo, squalificato, e dovremo studiare qualcosa per mettere in campo i migliori".

"Kulusevski? Juve o Parma non è la stessa cosa"

CLASSIFICA

Difese bunker: City primo, Juve miglior italiana

A mettere in cassaforte la gara ci ha pensato il solito Cristiano Ronaldo. Insieme a lui, quest'oggi, ancora Kulusevski, con Morata inizialmente in panchina: "Bisogna cercare di muoverci meglio - ha spiegato Pirlo -, Morata non è al meglio e ha bisogno di più tempo per rimettersi in sesto. Ma se abbiamo Cristiano il gioco va sviluppato diversamente, Kulusevski non è un attaccante e a lui chiediamo altro. Il gioco va fatto in ampiezza per poi trovare Cristiano in mezzo all'area. Giocare nella Juve e nel Parma sono due cose completamente diverse, il Parma giocava più in contropiede e aveva più spazi. Contro la Juve, invece, le squadre si chiudono e la situazione cambia. Gioca in un ruolo non suo, gli chiediamo tanto lavoro in fase di non possesso e ci sta dando una grossa mano, ma è un giocatore che può fare molto di più". Pochi dubbi su Chiesa: "Sicuramente si trova meglio a destra, per il suo modo di giocare e di attaccare viene facilitato in quella zona. Ma anche a sinistra ha fatto delle buone azioni. La sua posizione è sicuramente quella di esterno destro e quando possiamo lo facciamo giocare lì".

"Allenatore o giocatore? Meglio in campo"

Pirlo ha parlato anche delle differenza tra i ruoli di calciatore e allenatore. Quest'oggi era la partita numero 250 della Juventus allo Stadium e l'attuale allenatore bianconera era in campo in occasione della gara numero 1: "Dieci anni fa pensavo a giocare e a vincere da giocatore - ha spiegato -, adesso ho un altro compito, quello di vincere da un'altra parte. È meglio sicuramente stare in campo, è molto più facile". In chiusura una battuta sulla lotta scudetto: "Tutte quelle dietro l'Inter sono le antagoniste, noi siamo tra quelle e cercheremo di fare il massimo fino alla fine".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.