Inter, Lautaro Martinez: "Niente più Barcellona, rinnovo e mi tatuo lo scudetto"

le parole

L'argentino alla Gazzetta dello Sport: "Avevo preso la strada della Spagna, ma ora mi vedo a lungo in nerazzurro. Conte mi ha cambiato la carriera, dopo l'eliminazione dalla Champions abbiamo fatto un patto. E sono pronto a tatuarmi lo scudetto"

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

L'ammissione più attesa per tutto il popolo nerazzurro arriva direttamente da Lautaro Martinez, uno dei grandi protagonisti – doppietta – nel derby vinto contro il Milan che ha regalato all’Inter la prima mini-fuga in classifica (+4 sul secondo posto). "È vero, si stava lavorando con il Barcellona, la strada era quella, poi non so dire quanto sono arrivato vicino a quel club. Ma con Conte fui molto chiaro. Gli dissi: 'La mia testa è qui, è una promessa, non mi faccio condizionare'. Ma tanto ora è il passato, rinnovo con l'Inter", le parole pronunciate dall’argentino in esclusiva alla Gazzetta dello Sport. Futuro che sarà ancora in nerazzurro, nessun dubbio dunque a sentire Lautaro: "Quando l'annuncio? Non so, troveranno il momento per l'ufficialità, io intanto gioco. Ma il mio futuro è qui, mi vedo a Milano per lungo tempo, di questa città mi piace tutto: il cibo, il rapporto con i tifosi, la squadra, solo sensazioni positive".

"Conte mi ha cambiato la carriera"

approfondimento

Suning: "Cerchiamo partner ma confermiamo impegno"

Inter prima in classifica, Lautaro Martinez analizza così il momento felice dei nerazzurri: "Favoriti? Non è una parola che mi piace. Ma certo, questo primo posto regala sensazioni positive, mai mi era capitato con un distacco simile sulla seconda. Fa piacere, perché non è casuale ma il frutto di quanto facciamo con il nostro allenatore. Come dice lui: lavoriamo per portare e lasciare un giorno l’Inter nel posto più in alto possibile. Siamo da due stagioni con Conte. E oggi siamo davvero un’altra squadra, più compatta, dove ognuno di noi lotta prima per il compagno vicino e poi per se stesso: buon segno". L’argentino non nasconde l’importanza di Conte nella sua crescita: "Conte ha cambiato la mia testa. Un giorno mi ha chiuso nel suo ufficio e abbiamo parlato per un po’, di tutto. Da quel momento ho fatto uno step, la mia carriera è cambiata".

Il patto scudetto

Obiettivo scudetto, Lautaro non nasconde il desiderio tricolore della sua Inter: "Si è parlato del patto che abbiamo fatto, noi e l'allenatore. Molto semplice: essere usciti dalla Champions ci ha fatto molto male. E allora ad Appiano ci siamo detti che da lì in avanti sarebbe rimasto un solo obiettivo, lo scudetto. A maggior ragione, poi, dopo aver perso pure la Coppa Italia. Conte ci ha detto di stare attenti a tutto, ai particolari. Intendeva dentro e fuori dal campo: è così che si vince. E questa frase ce la ripetiamo ogni giorno nello spogliatoio: è il nostro comandamento. Noi – ha proseguito l’attaccante dell’Inter – giochiamo per la vittoria, lavoriamo per questo, è il nostro traguardo. La nostra qualità è saper cambiare, saper adattarsi. Giochiamo in un modo con la Juve, in un altro con la Lazio, in un altro ancora con Milan: proviamo a prenderci il nostro vantaggio contro qualsiasi squadra dopo averla studiata al video”. L’argentino che in caso di scudetto saprebbe già come festeggiare: "Farei un tatuaggio per il mio primo trofeo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport