Stadio, l'Inter replica al sindaco Sala: "Parole offensive, se sgraditi ci regoleremo"

Serie A
©LaPresse

Il sindaco di Milano aveva spiegato che difficilmente la giunta comunale si sarebbe espressa sul progetto del nuovo stadio senza che "l'Inter chiarisca il suo destino". La replica del club nerazzurro: "L'Inter esisteva prima del Sindaco Sala e continuerà ad esistere anche al termine del suo mandato. Parole sindaco offensive nei confronti della proprietà e dei tifosi, se non siamo graditi prenderemo le nostre decisioni"

INTER-SASSUOLO RINVIATA: 4 POSITIVI TRA I NERAZZURRI

"La FC Internazionale Milano ha una storia gloriosa ultracentenaria, esisteva prima del sindaco Sala e continuerà ad esistere anche al termine del suo mandato". Botta e risposta tra l'Inter e il sindaco di Milano Giuseppe Sala, con quest'ultimo che a margine della cerimonia per omaggiare le vittime del Covid in piazza della Scala aveva parlato della questione nuovo stadio di Milano: "Penso che finché l'Inter non chiarirà il suo destino - la sua risposta a chi gli chiedeva se la Giunta si esprimerà sul progetto del nuovo stadio entro la fine del mandato - per noi le cose devono essere necessariamente ferme". Sala aveva anche aggiunto di "non poter affidare un quartiere della città, per un così lungo periodo, a realtà di cui non è certa la proprietà futura", precisando di parlare "con massimo rispetto di Zhang". Dichiarazioni che l'Inter ha commentato in una nota ufficiale. "Offensive nei confronti della proprietà, irrispettose verso la storia e la realtà del club e i suoi milioni di tifosi a Milano e in tutto il mondo - spiega la nota - nonché irrilevanti rispetto all’attuale iter amministrativo del progetto Un Nuovo Stadio per Milano". 

"Se non siamo graditi, prenderemo le nostre decisioni"

approfondimento

Nuovo San Siro, Inter e Milan presentano piano

Il comunicato dell'Inter si conclude con un messaggio inequivocabile: "Se dovesse essere confermato che l’Inter e la proprietà non sono gradite all’attuale amministrazione, sapremo prendere le decisioni conseguenti". Quasi il prologo a uno strappo, di sicuro una brusca frenata dal punto di vista diplomatico. Di certo c'è che le parole del sindaco Sala non sono state digerite dalla proprietà nerazzurra. Non sono da escludere nei prossimi giorni nuovi interventi politici per ricreare relazioni in un progetto ritenuto importante, anche alla luce delle variazioni in corsa che le vicende societarie dell'Inter potrebbero vivere nelle prossime settimane. Il gruppo Suning resta intanto alla ricerca di nuovi partner, con l'impegno massimo finalizzato a consentire a club e squadra di arrivare con la massima serenità a fine stagione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.