Pirlo dopo Bologna-Juventus: "Io mi vedo in futuro alla Juventus"

le parole
©Getty

Raggiunta la qualificazione alla prossima Champions, l'allenatore bianconero ha analizzato la sua stagione: "Entrare nella Juve non era facile, penso di essere cresciuto grazie ai ragazzi". Sul futuro: "Io mi vedo qui al 100%, sono fiducioso ma vedremo con la società". E sull'esclusione di Ronaldo: "Scelta condivisa, era stanco dopo mercoledì"

BOLOGNA-JUVE 1-4, GOL E HIGHLIGHTS

Raggiunto l’ultimo obiettivo mancante, qualificazione alla Champions per la Juventus che chiude al 4° posto in classifica. Non può che essere soddisfatto Andrea Pirlo, allenatore bianconero che ha spiegato: "Per me era importante finire bene il lavoro, conquistando la Coppa Italia e arrivando in Champions. Le parole le lasciamo a chi dovrà decidere. Io mi sono impegnato e questo è il risultato finale". Inevitabile un’analisi sulla prima stagione in panchina: "Ci sono state tante difficoltà: Covid, assenze, impegni ravvicinati. Fare teoria a Coverciano non è la stessa cosa. Io sono stato chiaro coi miei ragazzi, devo ringraziarli per la disponibilità. Penso di essere cresciuto con un anno di esperienza e qua vorrei ripartire". 

"Ronaldo out? Scelta condivisa"

approfondimento

La Juve vola in Champions: Bologna battuto 4-1

Non poteva che fare rumore l’esclusione di CR7 dalla formazione iniziale, assenza così spiegata da Andrea: "È stata una scelta condivisa, era stanco dopo mercoledì. Era già capitato di giocare senza di lui. Ho scelto di far giocare Morata, ero tranquillo su questo piano. Ho ottimi giocatori a disposizione per poter scegliere". Parole anche sui singoli: "Quanto mi è mancato Dybala? Un giocatore come lui cambia il livello di ogni squadra, non l’abbiamo mai avuto a disposizione tra infortuni, l’infezione. Non è mai stato al 100%. Le sue capacità le conosciamo tutti, è normale che ci sia mancato. Rabiot? Si è tolto tutte le incertezze, è un centrocampista unico a livello mondiale". Sul gruppo: “Siamo sulla strada giusta quando ci mettiamo sacrificio, ci è mancato in tante situazioni. Quando abbiamo sentito la paura ci siamo stretti, abbiamo spinto sulla voglia che avevamo e i risultati sono arrivati. Se ripartiremo, lo faremo con basi solide".

"La società non mi ha comunicato nulla"

approfondimento

Tutti verdetti della Serie A 2020/2021

Pirlo ha rivissuto anche il percorso in bianconero: "Paure non ne ho mai avute, un po’ di routine per creare lo spirito giusto non era facile. Ci è voluto un po’ di tempo per entrare dentro la squadra, per i principi che volevo imporre. Entrare alla Juventus non era facile, tutti mi hanno dato disponibilità e mi hanno fatto crescere. Quest’anno è successo di tutto, mi è servito per scegliere e migliorare". Come immagina la Juve del futuro? "Più forte e consapevole delle capacità, nemmeno loro sanno la forza che hanno". Rivedremo Pirlo sulla panchina della Juventus? "Io mi vedo al 100%, ma non sono io che decido. Ci godiamo la serata e poi vedremo con la società che non mi ha comunicato nulla. Ora non ho nessuna sensazione, ho dato il massimo: abbiamo vinto due coppe e la qualificazione in Champions ci dà una spinta enorme. Sono fiducioso, voglio migliorare e non sono soddisfatto di quanto raggiunto. Ho iniziato un percorso e spero di proseguirlo". Importante la risposta alla domanda sugli obiettivi della società: "Erano quelli di cercare di vincere: ci siamo riusciti in parte e acciuffando la Champions all’ultima giornata. È normale che ci tenessimo a vincere il campionato, ma credo che gli obiettivi miei e della società siano stati raggiunti".

Chiellini: "Futuro? Notti magiche con l’Italia"

Particolarmente soddisfatto anche Giorgio Chiellini, capitano bianconero che ha raccontato: "Siamo contenti, stasera era importante e dipendevamo dagli altri. È stata una stagione difficile in mezzo a mille difficoltà, abbiamo vinto due coppe e oggi ci giocavamo due stagioni: ora è giusto che festeggiamo. Non era facile per Pirlo alla prima esperienza in panchina. Noi non avevamo più niente da perdere, eravamo più spensierati e si è visto come abbiamo approcciato bene la partita. La sconfitta col Milan ci ha fatto svoltare, sembrava un obiettivo impossibile da raggiungere. Ma sono arrivate quattro vittorie di fila, ora tiriamo un bel sospiro di sollievo. Il mio futuro? Ora mi riposo un paio di giorni, poi mi aspettano quelle che spero siano notti magiche con la Nazionale".