Juventus, contro lo Spezia è la rivincita di Chiesa e De Ligt

Serie A

"E' bravo, ma deve crescere", così si era espresso Allegri su Chiesa dopo la gara contro il Milan. L'esterno ha ripagato la fiducia dell'allenatore con il gol del pareggio a La Spezia. Rete della vittoria che è arrivata dai piedi di De Ligt, che contro i rossoneri non aveva giocato nemmeno un minuto. Due gol, due ripartenze che possono dare il via a un nuovo percorso bianconero

JUVE-SAMP LIVE

"Ho sbagliato i cambi, in queste partite diventano determinanti", così si era espresso Massimiliano Allegri dopo il pareggio nel big match contro il Milan. A chi si riferisse in particolare non è dato sapersi, nel mirino è sembrato esserci anche e soprattutto Federico Chiesa, che "è bravo, ma deve crescere", sempre prendendo in riferimento le parole dell'allenatore nella settimana scorsa. Questa volta l'esterno offensivo ex Fiorentina non ha avuto bisogno di entrare dalla panchina, visto che è sceso in campo dal primo minuto nel match contro lo Spezia. La fiducia di Allegri è stata ricambiata con il gol al minuto 66 che ha permesso alla Juventus di riprendere la partita e ha dato ai bianconeri quella scossa decisiva per conquistare la prima vittoria del campionato. Una palla recuperata sulla bandierina del calcio d'angolo e una serpentina in mezzo all'area che sanno di rivincita per un giocatore che negli ultimi giorni è stato messo in discussione, ma che è riuscito a risultare ancora una volta (dopo un Europeo da assoluto protagonista) decisivo. Piccola nota stonata, un problemino muscolare che lo ha costretto a uscire dal campo nei minuti finali.

De Ligt, dalla panchina al gol: "Alla Juve conta solo vincere"

leggi anche

Allegri: "Ci serviva una vittoria in sofferenza"

Chi nello scorso weekend contro il Milan non ha giocato nemmeno un minuto è stato Matthijs De Ligt. Il centrale olandese non solo non è sceso in campo dal primo minuto nel big match dell'Allianz, ma non è rientrato nemmeno nella lista dei cosiddetti "cambi sbagliati" di Allegri. L'occasione è arrivata anche per lui al Picco (dopo due panchine consecutive in campionato) ed è stata sfruttata al meglio: se è vero che da una parte la difesa bianconera ha concesso tante palle gol allo Spezia, troppe come ammesso anche da Allegri nel post partita, dall'altra olandese ha segnato il gol da tre punti per i bianconeri. Una rete che, magari tra qualche mese, potrà essere ricordata come quella che ha dato il via alla rimonta in classifica. D'altronde "vincere è l'unica cosa che conta", lo dice la storia della Juve e lo dice lo stesso De Ligt al termine della gara: "Quando sei alla Juve bisogna vincere tutte le partite, dobbiamo iniziare un nuovo percorso serio, abbiamo fatto 3 punti oggi e l'importante è questo". Il nuovo percorso "serio" può essere partito da La Spezia, un percorso che se vuole essere vincente non può prescindere da Chiesa e De Ligt.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche