Arbitri, caso rimborsi: ridotta a 11 mesi la squalifica di La Penna, 14 per Pasqua

arbitri

La Corte d'Appello dell'Aia ha ridotto le squalifiche degli arbitri La Penna e Pasqua in merito al caso rimborsi: da 13 a 11 mesi per il primo, da 16 a 14 per il secondo. La Penna potrà, dunque, essere reintegrato in organico al termine della squalifica, Pasqua dovrà sperare nel terzo grado di giudizio

CAOS RIMBORSI, L'INDAGINE DELLA FIGC - LE SENTENZE DI 1° GRADO

Caso rimborsi, secondo capitolo. La Commissione disciplinare d'appello dell'Aia si è espressa in secondo grado in merito al processo per le presunte note spesa alterate. La Corte d’Appello, presieduta da Giuseppe Fonisto e completata dal vice Bacicchi oltre a Di Iacovo, Bolley, Pagani e Cucé e il segretario Catania, ha infatti ridotto le sanzioni inflitte nel primo grado di giudizio: la squalifica per l'arbitro La Penna è diminuita da 13 a 11 mesi, mentre quella di Pasqua da 16 a 14 mesi. Ciò significa che solo il primo potrà tornare ad arbitrare al termine della stagione, perché il reintegro nell'organico è previsto secondo regolamento solo se la squalifica non supera i 12 mesi. Per Pasqua, invece, l'ultima speranza di non dover chiudere anzitempo la carriera resta l'appello al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche