Marotta: "Vendere i giocatori è fondamentale. L'Inter non ha problemi con le plusvalenze"

le parole

Ospite dell'Inter club della Regione Lombardia, il dirigente nerazzurro ha toccato molti temi, a partire dalle plusvalenze: "L'Inter non ha problemi. Il modello italiano deve basarsi sul player trading: siamo un campionato di transizione, dobbiamo produrre giocatori". Marotta ha poi confermato l'impegno nel club della famiglia Zhang e sul rinnovo di Brozovic ha detto: "Possiamo arrivare a un accordo"

Dalla qualificazione agli ottavi di Champions al tema delle plusvalenze, passando per il rinnovo di Brozovic: Beppe Marotta ha parlato a lungo, ospite dell'Inter club della Regione Lombardia. A partire dal tema caldo in questi giorni del mercato e delle plusvalenze, l'Ad nerazzurro ha un pensiero chiaro sul calcio italiano: "Il modello italiano deve capire che il player trading è indispensabile.Noi dobbiamo ridurre i costi e produrre calciatori. Vendere i giocatori è fondamentale per le società perché il nostro è un campionato di transizione, non più un campionato dove tutti restano fino a fine carriera. L'Inter con le plusvalenze non ha problemi." C'è poi spazio anche per il suo rinnovo come dirigente nerazzurro: "Il mio rinnovo? Con Zhang noi dirigenti abbiamo un ottimo rapporto. Noi dirigenti, Ausilio, Baccin, Samaden e io, siamo contenti di proseguire nell'Inter e alla prima occasione nella quale arriverà a Milano Zhang, oppure in un'altra maniera, cercheremo di finalizzare la cosa".

"Penso che per Brozovic si possa arrivare a un accordo"

vedi anche

Occasioni a buon mercato: big in scadenza nel 2022

L'Ad nerazzurro non si è tirato indietro anche sui temi dei rinnovi, a partire da quello di Brozovic, pedina sempre più fondamentale nel centrocampo dell'Inter: "Se i calciatori vogliono rimanere con noi siamo contenti. Da parte nostra non possiamo dispensare milioni, ma se loro capiscono il nostro modello, si può proseguire insieme. L'Inter è in grado di dare tanto e credo che per Brozovic si possa arrivare a un accordo". Spazio anche al mercato di gennaio e ai nomi caldi che potrebbero muovere le trattative: "Il mercato di gennaio? E' un mercato di riparazione e difficile. La nostra rosa non ha falle o buchi. Non necessita di ritocchi perché i risultati dicono che siamo competiti. Non credo che faremo grandi operazioni. Baccin, che è bravissimo come Ausilio, è lì per identificare i prodotti che fanno al caso del nostro progetto. Vlahovic? Spero che lui e la Fiorentina riescano a risolvere i loro problemi. Sarebbe bello che continuassero insieme. È uno dei giovani più importanti del campionato italiano. Noi in quel reparto siamo messi bene con Dzeko, Martinez e gli altri. Puntare per il prossimo anno su un 9? Ci sono operazioni che non possiamo concludere. Noi pensiamo in grande e vedremo quello che sarà possibile fare". Infine un ritorno sull'addio di Lukaku: "Cosa è successo con Lukaku? La sua volontà era quella di tornare in Inghilterra e l'Inter non poteva rinunciare a quella cifra. Se non ci fosse stata la volontà del calciatore di andarsene però Zhang non lo avrebbe mandato via. Io via dalla Juventus? Come per gli allenatori, anche per i dirigenti ci sono dei cicli. Sono felicissimo di essere all'Inter e quando ero a Varese andavo spesso ad Appiano Gentile a vedere l'Inter"

"Il sostegno di Zhang non è mai mancato"

vedi anche

Zhang 'torna' social: "Inter, avanti 10 anni dopo"

Marotta ha anche commentato il passaggio del turno in Champions e il momento che l'Inter sta attraversando come società, confermando l'impegno della famiglia Zhang: "Abbiamo centrato la qualificazione agli ottavi di champions che mancava da 10 anni ma questa non deve essere una vendetta nei confronti di chi non credeva a noi questa estate. I soldi nel calcio non sono tutto: la competenza, la passione e la voglia di far bene possono far bene e ci hanno aiutato a tenere in alto, dove merita, questa società. Inzaghi non mi meraviglia: lo conoscevo da calciatore perché lo avevo avuto alla Sampdoria. Alla Lazio aveva dimostrato di essere giovane, vincente e dinamico. Lo abbiamo scelto in poche ore dopo quello che è successo con Conte e il fatto di utilizzare lo stesso modulo del suo predecessore, ha aiutato. Era nel nostro taccuino da tempo e lo abbiamo preso anticipando la sua probabile firma con la Lazio. Il profilo che cercavamo era quello di un allenatore italiano perché abbiamo caratteristiche diverse da altri club. Tradito da Conte? Il calcio è questo e ci sono avvicendamenti continui. Lui ha tracciato la strada verso la vittoria e non possiamo che riconoscerlo. Perché ha avuto una buonuscita da 6 milioni? È acqua passata. Ora pensiamo del futuro". Marotta ha parlato anche della proprietà negando un possibile cambio di proprietà: "In Inghilterra ci sono tante proprietà straniere che non stanno lì. Come succede all'Inter. Bisogna ringraziare la famiglia Zhang che ha profuso per l'Inter centinaia di milioni di euro. La pandemia ha creato perdite importanti, ma la loro vicinanza con noi manager non è mai mancata"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche