Roma-Salernitana, Sabatini: "Comportamento della panchina giallorossa inaccettabile"

salernitana
©Getty
walter sabatini

Il direttore sportivo della squadra campana nel post partita: "Atteggiamento della panchina giallorossa davvero inaccettabile, ora Mourinho dirà che non mi conosce. Il fallo di Ederson non esiste". E sul rigore non fischiato a Djuric: "È netto, ma non è nemmeno stato rivisto"

Di umore opposto rispetto a José Mourinho, è Walter Sabatini, Ds della Salernitana, mostratosi molto nervoso nel post partita non per la prestazione dei suoi e per la sconfitta, ma per l'atteggiamento della panchian giallorossa durante il match: "Sto assistendo a delle cose ignobili a livello sportivo. Mourinho dirà che non mi conosce e che non ho vinto nulla, ma non me ne frega un ca**o. Quello che succede quando si viene a giocare a Roma è inaccettabile- spiega Sabatini - Ogni decisione arbitrale contro viene contestata da tutta la panchina, che si alza anche per contestare una rimessa laterale. Cosa volete che faccia l'arbitro? Già è una categoria che ha una personalità blanda, poi vedendo queste cose è ovvio che invertano le punizioni, inventandole. Ederson prende la palla e l'arbitro fischia fallo, dal quale nasce il gol della Roma". Il direttore sportivo della Salernitana ha poi proseguito: "Chiedo scusa a Mourinho solo per averlo nominato, lui è un semidio, io un uomo. Io non ho vinto nulla ma leggo Hemingway e Pessoa, scrittore di casa Mourinho, e continuo a farlo. Mi curo anche della vita oltre al calcio. È un mondo invivibile e pieno d'arroganza. Io amo la mia squadra, che sa giocare e vorrebbe salvarsi, ma oggi sono davvero inca***to. Non c'è altro lessico quando si perde così".

"Il rigore su Djuric è netto, ma non viene nemmeno rivisto"

leggi anche

Roma-Salernitana 2-1. HIGHLIGHTS

Sabatini ha parlato anche del presunto rigore non fischiato su Djuric: "Il rigore è netto, ma non è nemmeno stato preso in considerazione. Ma non mi frega, a noi non danno il rigore, ne prendo atto- dichiara Sabatini - Ciò che mi delude è il fallo fischiato a Ederson, dal quale nasce poi il gol della Roma.  È un gesto tecnico pulito di un giocatore che sta facendo benissimo in campionato. Se fa un anticipo pulito non è fallo, perché questo giocatore è nella vetrina della Salernitana e ho bisogno di incrementare il suo valore. Nel calcio esiste anche questo".

Mourinho: "Mi scuso per quanto accaduto. Non cambio la verità"

leggi anche

Mou si scusa: "Qualcuno ha detto ora andate in B"

Uno degli episodi discussi è il faccia a faccia tra Foti, vice di Mourinho, e Davide Nicola poco prima del triplice fischio, con lo Special One che riesce a mettersi in mezzo e a riportare la calma. Proprio Mourinho ha commentato così l'accaduto nel post gara: "Per quello che è successo alla fine, hanno ragione. Per questo come responsabile della mia panchina mi scuso per qualche parola di troppo", ha detto Mourinho. L'allenatore della Roma ha poi spiegato nel dettaglio l'accaduto: "Io non nascondo mai la verità, come fa qualche club o la polizia. Una persona della mia panchina ha detto a quella della Salernitana 'tornate in serie B'. Loro non erano contenti e mi sono scusato. Per la gente civilizzata quello che succede in campo rimane in campo, non ci sarà nessuno ad aspettare qualcuno fuori per dargli un pugno", ha concluso Mourinho.

Nicola: "Ciò che accade in campo rimane lì"

A smorzare gli animi ci ha pensato anche Davide Nicola, allenatore della Salernitana, che ha commentato l'accaduto: "Non m'interessa replicare ciò che ha detto Mourinho. In campo faccio la guerra con tutti nella lealtà delle cose. Raramente litigo con gli altri, ma quello che accade in campo rimane lì. C'era una battaglia sportiva in campo e poi è continuata anche in panchina, ma finisce lì".