Perotti in lacrime dopo il rigore sbagliato in Empoli-Salernitana: non falliva dal 2017

SALERNITANA
©Getty

Per l'argentino è il terzo calcio di rigore sbagliato in carriera: l'ultimo errore risaliva al 16 dicembre 2017 in un Roma-Cagliari. Perotti al fischio finale è scoppiato in lacrime, consapevole di quanto la vittoria sarebbe stata importante per la squadra di Nicola

EMPOLI-SALERNITANA 1-1, GOL E HIGHLIGHTS

Da 1610 giorni Diego Perotti non sbagliava un calcio di rigore. Era il 16 dicembre 2017 quando Cragno ipnotizzò l'argentino in un Roma-Cagliari, vinto dai giallorossi 1-0. Quasi cinque anni dopo la storia si è ripetuta, ma con un peso specifico e un contesto completamente diverso. Il rigore sbagliato da Perotti nella sfida pareggiata tra Empoli e Salernitana era probabilmente il più importante nella storia recente dei granata. Un peso notevole, affidato a uno specialista con numeri notevoli. Nella sua carriera, infatti, Perotti aveva segnato 27 penalty su 29. Il trentesimo, però, non è stato fortunato e l'argentino è scoppiato in lacrime alla fine del match, consolato dai propri compagni di squadra. La vittoria avrebbe consentito alla squadra di Davide Nicola di ipotecare il discorso salvezza, invece tutto è stato rimandato all'ultima giornata. 

©Getty

Bonazzoli: "Diego un fenomeno, abbiamo sbagliato tutti"

leggi anche

Nicola: "Lotteremo fino alla fine. Perotti..."

Il cerchio dei giocatori della Salernitana attorno a Perotti al fischio finale rappresenta al meglio il gruppo forgiato da Nicola in questi mesi. Nessuno a puntare il dito, tutti a difendere l'argentino. "Diego è un fenomeno a calciarli e meritava di tirarlo - ha detto Federico Bonazzoli, rigorista nelle precedenti occasioni - Ha sbagliato lui, ma abbiamo sbagliato tutti. Non bisogna colpevolizzare nessuno". 

©Getty

Vicario, l'eroe che tiene in vita il "suo" Cagliari

leggi anche

Andreazzoli: "Abbiamo giocato una partita seria"

Se da una parte ci sono i demeriti per il rigore sbagliato, dall'altra ci sono i meriti del portiere che ha intuito la conclusione. Guglielmo Vicario è stato il protagonista assoluto della sfida del Castellani. Non solo il penalty parato a Perotti, ma anche diversi interventi decisivi. Una partita dal valore doppio per lui, sceso in campo con la maglia dell'Empoli ma di proprietà del Cagliari, diretta concorrente della Salernitana per la salvezza. Con le sue parate ha tenuto in vita i sardi che, in caso di vittoria contro l'Inter, riavrebbero il proprio destino in mano.