Insigne: "Stupito dall'Mls. Critiche per la mia scelta? Non rispondo"

l'intervista
©Getty

L'ex attaccante azzurro, intervenuto nel corso di Gr1 di Rai Radio 1, ha parlato del suo trasferimento e del nuovo campionato: "L'Mls è molto impegnativa a livello fisico, si corre tanto. Non ho nulla da rispondere a chi mi critica per aver lasciato la Serie A. Non vedo l'ora inizi il campionato italiano, mi sono organizzato per vedere le partite del Napoli e spero possano vincere lo scudetto"

CALCIOMERCATO, NEWS E TRATTATIVE LIVE

Impatto positivo con la Major League Soccer per Lorenzo Insigne, che qualche settimana fa ha iniziato la sua avventura con il Toronto. "Mi ha sorpreso l'Mls perché ci sono strutture ottime, campi nuovi e stadi molto belli - ha commentato l'attaccante ai microfoni del Gr1 di Rai Radio 1. A livello fisico è molto impegnativo, si corre tanto: il livello è buono, spero che possa crescere sempre di più per avvicinarsi al resto dei campionati europei". Insigne parla della decisione di trasferirsi in Canada: "A chi mi critica per aver lasciato la Serie A a 31 anni non ho nulla da rispondere, sono contento della decisione che ho preso e vado avanti". L'attaccante parla anche delle delusioni avute con il Napoli e la Nazionale: "Sia la mancata qualificazione ai Mondiali con l'Italia che lo scudetto perso in hotel a Firenze sono state due delusioni pesanti. Sono ferite aperte e spero che piano piano si chiudano e si vada avanti".

"Ho organizzato tutto per vedere le partite del Napoli"

leggi anche

Serie A, probabili formazioni per la 1^ giornata

Nonostante l'addio all'Italia, Insigne non vede l'ora che inizi la Serie A: "Non vedo l'ora che inizi la Serie A per seguire il Napoli: sono un tifosissimo, ho già organizzato tutto per vedere le partite. Spero possa vincere il campionato, l'ho augurato ai miei compagni che sento tramite chiamate e messaggi, sarei molto felice". In chiusura l'attaccante classe '91 parla delle cessioni del Napoli: "Dispiace tanto che io, Mertens, Koulibaly e Ghoulam siamo andati via insieme. Abbiamo dato tanto al Napoli e c'è dispiacere, ma la vita è così. Sicuramente saremo sempre attaccati al club e tiferemo sempre per il Napoli".