Il mercato è finito ko, la Juve si aggrappa ai suoi attaccanti

juventus
Francesco Cosatti

Francesco Cosatti

Gli infortuni hanno portato via ad Allegri quasi tutti i nuovi acquisti (ko Bremer, Di Maria, Paredes e Pogba). I bianconeri si giocano la Champions a Lisbona: conta solo vincere per continuare a tenere viva la speranza europea

Sorrisi e gol. Scorre così il countdown verso il Benfica per la Juventus che martedì si gioca a Lisbona una partita che può essere determinante per il futuro europeo

A Lisbona obbligati a vincere

approfondimento

Juventus agli ottavi se... Tutte le combinazioni

Che sia Champions League o Europa League, con il terzo posto del girone. Serve una vittoria per la squadra, in senso assoluto. Per farlo conterà il carattere, lo spirito ritrovato dai due successi consecutivi (Torino e Empoli) e ovviamente i gol degli attaccanti. 

Il mercato è finito ko

Sei assenze pesanti, in pratica azzerato il contributo del mercato estivo: out Paredes, Di Maria, Bremer, Pogba, oltre a De Sciglio e Chiesa. Tra difesa e centrocampo c’è da stringere i denti. Poche le alternative per il turnover. E allora sia l’attacco, le prime punte, a mantenere viva la speranza: Vlahovic, Milik e il Kean in gran forma visto venerdì allo Stadium. 

juve infortuni

Aggrappati all’attacco

Viste le difficoltà palesate fino alla trasferta di Haifa, gli attaccanti restano, gli uomini a cui aggrapparsi. E sia Milik che Kean poi sono alla ricerca del primo gol stagionale in Europa. Un ‘emozione che in maglia bianconera manca a Kean dallo scorso mese di dicembre, dal gol al Malmoe, prima e unica rete in coppa con la Juventus. Per questo, per far sì che quella di Lisbona non resti l’ultima trasferta europea dell’anno, servono i loro gol.

attacco juve