Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
29 dicembre 2016

Cesena, Camplone: "Verona? Non partiamo sconfitti"

print-icon
12_

L'allenatore del Cesena Andrea Camplone (Lapresse)

Il Cesena sfida la capolista Verona nel match valido per la 21.a giornata di Serie B con l'ambizione di tornare a casa dal 'Bentegodi' con punti importanti. L'allenatore dei bianconeri Camplone chiede determinazione e aggressività 

Il match valido per la 21.a giornata di B tra Verona e Cesena non è propriamente un testa-coda per il semplice fatto che la squadra bianconera non naviga in zone così fonde di calssifica ma i 22 punti in classifica non lasciano certo dormire sonni tranquilli a Camplone che vorrebbe tornare dal Bentegodi con punti importanti. Presso la sala stampa del Centro Sportivo “Rognoni” di Villa Silvia, Camplone ha risposto alle domande dei giornalisti durante la consueta conferenza pre-gara. "Sulla carta si tratta di una trasferta proibitiva contro un avversario in grado di conquistare 38 punti segnando la bellezza di 37 reti ma non dobbiamo partire sconfitti, in questo periodo tra feste, mercato e vacanze può davvero succedere di tutto e se noi giochiamo con la testa giusta e la voglia giusta possiamo fare qualcosa di importante. Contro una squadra di grande qualità come il Verona sarà fondamentale riuscire a sfruttare quelle poche occasioni che ci verranno concesse. Sarà importante l’approccio alla gara, non dobbiamo peccare in cattiveria, voglia e attenzione, questo è ciò che chiederò ai miei uomini.”

Chi giocherà - "Mi porto dietro ancora qualche dubbio, deciderò dopo la rifinitura di domani mattina. Come sempre, giocherà chi in settimana mi ha dimostrato di essere al meglio. L’atteggiamento rispetto a Benevento non deve variare, dobbiamo giocare sempre con l’obiettivo di portare a casa il risultato. Domani la parola d’ordine dovrà essere “attenzione e cattiveria”.

Mercato - "Più che altro mi preoccupano perché possono incidere sulla prestazione. Se non manteniamo alta la concentrazione possiamo faticare contro chiunque, figuriamoci contro la prima della classe."